Consulta il tuo referto online

    

Carta servizi

Clicca qui per scaricare la versione stampabile in formato word

Redatta ai sensi del (D.P.C.M 19 Maggio 1995 e.s.m.i) e delle linee guida per la carta dei servizi sanitari Regione Campania (Deliberazione n.369 del 23 marzo 2010)

 

Verificata da Responsabile Qualità Approvata da Direzione

INDICE

1. Chi siamo 3

2. I nostri obiettivi 4

3. Organigramma 5

4. Principi Fondamentali 6

5. Informazioni ed orari 7

6. I nostri servizi 8

7. Lista esami 9

8. Preparazione all’esame 19

9. Partecipazione dei Cittadini Alla Spesa Sanitaria 33

10. Esami in esenzione per la gravidanza 35

11. Meccanismi di tutela e verifica 36

11. RIFERIMENTI NORMATIVI 37

11.1 Informativa Decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 (pazienti) 37

11.2 DIRITTI DEL CITTADINO 40

12. MODALITA’ DI PRELIEVO, CONSERVAZIONE E RACCOLTA DI 41

CAMPIONI BIOLOGICI

Prelievo Venoso e Capillare 41

Prelievo Capillare 42

Prelievi dopo stimoli 42

Urine Semplici, Urinocoltura, Urine 24 ore 44

Tamponi 46

Acido Lattico 47

Acido Vanilmandelico 48

Acido Omovanillico 49

ACTH 50

Adesività Piastrinica 51

Alfa-Fetoproteina su liquido amniotico 52

Aldosterone 53

Angiotensina 54

Ammonio 55

Idrossiprolinuria 56

Renina 57

Ricerca Crioglobuline 58

Spermiogramma 59

Tritest 60

DuoTest 61

Indicazioni per i prelievi venosi necessari alla determinazione dei farmaci 62

 

1. Chi siamo

Il Centro POLIDIAGNOSTICO srl è situato nel territorio della ASL NA1 ed eroga servizio nell’ambito della diagnostica clinica di laboratorio.

L’intento della società è di fornire all’utenza una pronta risposta alle esigenze mediche, offrendo un servizio che assicuri continuità e celerità nell’espletamento delle indagini.

A questo scopo la Direzione del Laboratorio ha provveduto a dotare la struttura di un punto prelievi al piano terra per facilitare l’accesso agli anziani e portatori di handicap e si è adeguata alle nuove necessità, dotandosi di macchinari all’avanguardia.

La qualità del servizio erogato è assicurata dalla professionalità del personale addetto nonché dalla partecipazione ai programmi di controllo di qualità esterno (VEQ).

Il servizio offre due modalità di accesso alle proprie prestazioni:

Utenti esterni in attività convenzionata (utenti in possesso di impegnativa del S.S.N.)

Utenti esterni privati.

 

La professionalità e l’elevata qualità del servizio offerto sono garantite:

Dalla presenza di specialisti;

Da un’efficiente organizzazione interna.

Sulla base di tali fattori e con l’intento di realizzare una struttura tendente sempre più verso il miglioramento continuo, il laboratorio si propone di porre una notevole attenzione alle richieste ed aspettative dei propri utenti così da ottenere una completa soddisfazione degli stessi.

2. I nostri obiettivi

Il Centro POLIDIAGNOSTICO, che già da tempo ha pianificato le proprie attività per assicurare un livello minimo di qualità dei servizi erogati, a partire dal mese di Ottobre 2007, per volontà della Direzione, ha deciso di implementare un sistema di gestione per la qualità adottando un modello organizzativo e gestionale in conformità alla norma UNI EN ISO 9001 (Edizione 2000 prima e 2008 poi) ed al regolamento n° 1 del 22 Giugno 2007 che stabilisce i criteri per un corretto svolgimento di tutti i processi aziendali.

Un Sistema Qualità ben strutturato ed implementato, fondato sulla ricerca del miglioramento continuo e dell’ottimizzazione di risorse e costi, consente di pianificare, gestire e controllare le attività del Centro POLIDIAGNOSTICO, per garantire un servizio puntuale ed efficiente, oltre che professionalmente valido in un settore nel quale i bisogni dell’Utente sono particolarmente importanti e critici.

L’adozione di un Sistema di gestione per la Qualità rappresenta altresì un validissimo strumento per la creazione di vantaggi competitivi nei confronti del mercato concorrente, sempre più vario e mutevole a causa della spinta legislativa e sociale.

Lo scopo della nostra organizzazione è quello di contribuire al miglioramento della qualità della vita di quanti a noi si rivolgeranno per ricevere prestazioni sanitarie, anche attraverso la creazione di un nuovo rapporto tra Medico e Utente, basato su una tempestiva comunicazione di tutte quelle informazioni che possano aiutare a ridurre i tempi di intervento in presenza di particolari patologie.

Durante questi anni abbiamo puntato sulla massima disponibilità, sulla professionalità, la formazione e l’aggiornamento continuo dei nostri Operatori al fine di garantire sempre un servizio efficiente al Cliente ed aumentare così la sua soddisfazione.

Tutte le figure professionali facenti parte della struttura, indipendentemente dalle specifiche responsabilità assegnate, sono determinanti per il conseguimento della soddisfazione del Paziente.

L’applicazione del Sistema Qualità coinvolge pertanto tutte le funzioni e richiede la partecipazione, l’impegno e l’efficace interazione di tutto il personale.

La Direzione si impegna ad attuare e sostenere la politica per la Qualità sopra esposta, a divulgarla ed a verificarla periodicamente prendendo in considerazione anche le esigenze e le proposte di tutto il personale, al fine di garantire, ai nostri utenti, standard di servizio sempre più elevati.

Ad oggi, i principali impegni nei confronti dei nostri Interlocutori (Clienti interni ed esterni, Fornitori, Enti Pubblici, ecc.) sono:

 

Rispetto dei requisiti cogenti

 

Rispetto dei requisiti posti dal Sistema

 

Miglioramento continuativo dell’efficacia dello stesso

 

A fronte degli impegni assunti e del quadro definito, si perseguono, attraverso l’attuazione del Sistema di Gestione per la Qualità, i seguenti Obiettivi:

soddisfazione delle esigenze e delle aspettative del Cliente attraverso il continuo miglioramento del servizio offerto

ampliamento del portafoglio clienti

efficienza nei processi di erogazione dei servizi

 

3. Organigramma

Per assicurare che quanto promesso sia effettivamente mantenuto il Laboratorio POLIDIAGNOSTICO ha deciso di riorganizzare ed inquadrare tutte le figure operanti al proprio interno in modo che chiunque sappia quali sono i propri compiti e le proprie responsabilità.

  • Direzione Generale: Dott. Ielluzzi Mariano
  • Responsabile Tecnico Sanitario: Dott.Leopoldo Piccininni

 

4. Principi Fondamentali

Il Laboratorio nell’espletamento delle sue attività si ispira ai principi fondamentali espressi nel DPCM del 27/01/94 enunciante i principi sull’erogazione dei servizi pubblici. Detti principi sono:

  • Eguaglianza: nessuna distinzione viene compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, lingua, religione ed opinioni politiche.
  • Imparzialità: viene assicurata garanzia di parità di trattamento per le diverse categorie e fasce di utenti e adeguamento delle modalità di prestazione del servizio alle esigenze dei portatori di handicap. A tale riguardo il comportamento degli operatori è inspirato ai criteri di obiettività, giustizia e imparzialità.
  • Continuità: l’assistenza, nell’ambito delle modalità stabilite dalla normativa regolatrice del settore, sarà continua, regolare e senza interruzioni. Casi di funzionamenti irregolari o di interruzione di servizio sono espressamente regolati dalle leggi di settore. In ogni caso saranno adottate tutte le misure volte ad arrecare agli utenti il minor disagio possibile.
  • Diritto di scelta: nei limiti consentiti dalla legislazione vigente, dai requisiti strutturali, tecnologici e di competenza professionale, sarà rispettato il diritto dell’assistito di scegliere, liberamente e al di fuori di ogni costrizione morale e materiale, di fruire delle prestazioni offerte dal Laboratorio.
  • Partecipazione: al fine di tutelare il diritto di ciascuno alla corretta fruizione del servizio viene garantita la partecipazione dell’utente.

A tale riguardo l’utente:

  1. ha diritto d’accesso alle informazioni che lo riguardano in possesso del Laboratorio;
  2. può esporre verbalmente o per iscritto agli operatori responsabili le osservazioni ed i reclami che intende formulare. Gli operatori del Laboratorio di analisi hanno l’obbligo di prendere in considerazione quanto riferito dall’utente per gli eventuali conseguenti interventi. Il Laboratorio si impegna a realizzare un sistema di raccolta di osservazioni, reclami e suggerimenti scritti, garantendo l’anonimato se necessario, dal quale acquisire elementi di valutazione circa la qualità del servizio.
  • Efficienza ed efficacia: il servizio erogato deve pertanto essere ispirato a garantire efficienza ed efficacia in modo da raggiungere la maggiore funzionalità possibile in relazione alle esigenze degli utenti.

Il Laboratorio adotterà le misure e gli strumenti idonei al raggiungimento di tali obiettivi.

 

5. Informazioni ed orari

Orario Prelievi : Dal lunedì al venerdì ore 08.00 – 12:00

Il Sabato ore 08:00 – 11:00

Gli esami si possono prenotare al numero telefonico 081.48.35.50

 

Orario di ritiro referti

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato

16.00 / 18.30 16.00 / 18.30 16.00 / 18.30 16.00 / 18.30 16.00 / 18.30 10.00 / 12.00

 

Modalità di prenotazione:

  • I pazienti possono prenotare gli esami anche telefonando dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.00 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 18.30 al numero telefonico 081.48.35.50. L’esame viene prenotato nel rispetto dell’ordine cronologico delle liste d’attesa. E’ possibile eseguire anche prelievi domiciliari nei casi in cui l’utente non può deambulare. Per potere eseguire gli esami convenzionati con il SSN, gli utenti debbono consegnare al laboratorio la richiesta di analisi, debitamente compilata da parte del Medico di famiglia, (dati identificativi del paziente, eventuali codici di esenzione ticket, diagnosi, elenco delle prestazioni richieste, eventuali prescrizioni inerenti il ciclo analitico, firma e timbro del Medico) utilizzando l’impegnativa dell’A.S.L..
  • Modalità d’accesso Il Laboratorio è ubicato in una zona facilmente raggiungibile sia con mezzi propri che mediante servizio pubblico.

 

  • Modalità di ritiro e condizioni di pagamento I tempi richiesti per le esecuzioni degli esami vengono comunicati all’atto della accettazione.
  • La maggior parte dei referti sono disponibili dal giorno successivo al prelievo.
  • Le urgenze possono essere refertate in giornata, su richiesta.
  • I referti possono essere ritirati nel normale orario di apertura del laboratorio, esclusivamente da chi ha effettuato la prestazione o da persona con delega scritta. In riferimento al D.G.R.C. n 1156 del 29/06/2007 si fa presente che a decorrere dal 1° gennaio 2007 i cittadini, anche se esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria, che non abbiano ritirato entro trenta giorni dalla data prevista per il rilascio del referto, i risultati di visite o esami diagnostici e di laboratorio sono tenuti al pagamento per intero della prestazione usufruita.

 

6. I nostri servizi

Il Centro POLIDIAGNOSTICO svolge attività di prelievo ed esami su campioni di sangue, urina, tamponi e materiale organico.

In particolare vengono svolti esami di :

Laboratorio generale di base classificato 2° livello, con annessi settori specializzati di microbiologia, ematologia, coagulazione, genetica .

 

RESPONSABILITA’ PER AREA

Sono qui di seguito rintracciate le principali responsabilità del personale inerente alla Diagnostica di Medicina di Laboratorio suddivise per aree:

  • AREA FUNZIONE RESPONSABILE
  • AMMINISTRATIVA Amministratore Dott. Ielluzzi Mariano
  • ACCETTAZIONE Responsabile Accettazione Boccia Maria Rosaria
  • ACCETTAZIONE Responsabile Accettazione Boccia Rosanna
  • ANALITICA Direttore Tecnico Dott.L. Piccininni
  • ANALITICA Resp. laboratorio di Base e Chimica Clinica Dott. L. Piccininni

7. Lista esami

ELENCO DELLE PRESTAZIONI EROGABILI DAL S.S.N.(TARIFFARIO REGIONALE EX DGRC 1874/98):

  • 90.01.1 11 DEOSSICORTISOLO € 13,70
  • 90.01.3 17 CHETOSTEROIDI € 10,69
  • 90.01.4 17 IDROSSICORTICOIDI € 9,72
  • 90.02.5 ACIDO LATTICO € 5,32
  • 90.03.2 ACIDO PIRUVICO € 3,98
  • 90.03.4 ACIDO VALPROICO € 9,30
  • 90.03.5 ACIDO VANILMANDELICO (VMA) € 18,55
  • 90.04.2 ADRENALINA – NORADRENALINA € 20,59
  • 90.05.5 POLIDIAGNOSTICO 1 FETOPROTEINA € 17,20
  • 90.06.5 POLIDIAGNOSTICO AMILASI ISOENZIMI (Frazione pancreatica) € 5,22
  • 90.07.4 AMITRIPTILINA € 7,33
  • 90.08.1 ANDROSTENEDIOLO GLUCURONIDE € 17,20
  • 90.08.3 ANTIBIOTICI € 6,09
  • 90.09.3 BARBITURICI € 8,01
  • 90.09.4 BENZODIAZEPINE € 8,83
  • 90.10.1 BETA2 MICROGLOBULINA € 17,20
  • 90.10.2 BICARBONATI (Idrogenocarbonato) € 0,72
  • 90.11.1 C PEPTIDE € 17,20
  • 90.11.2 C PEPTIDE: Dosaggi seriati dopo test di stimolo ( 5 ) € 43,41
  • 90.12.3 CARBAMAZEPINA € 13,38
  • 90.12.4 CATECOLAMINE TOTALI URINARIE € 12,60
  • 90.13.2 CICLOSPORINA € 14,64
  • 90.13.5 COBALAMINA (VIT. B12) € 17,20
  • 90.15.2 CORTICOTROPINA (ACTH) € 17,20
  • 90.15.3 CORTISOLO € 17,20
  • 90.16.1 CREATINCHINASI ISOENZIMI € 2,79
  • 90.16.2 CREATINCHINASI ISOFORME € 12,55
  • 90.17.1 DEIDROEPIANDROSTERONE (DEA) € 17,20
  • 90.17.2 DEIDROEPIANDROSTERONE SOLFATO (DEA-S) € 17,20
  • 90.17.3 DELTA 4 ANDROSTENEDIONE € 17,20
  • 90.17.4 DESIPRAMINA € 7,33
  • 90.18.1 DOPAMINA € 13,32
  • 90.18.3 DROGHE D’ABUSO € 5,99
  • 90.18.4 ENOLASI NEURONESPECIFICA (NSE) € 17,20
  • 90.19.1 ESTERI ORGANOFOSFORICI € 5,42
  • 90.19.2 ESTRADIOLO (E2) € 17,20
  • 90.19.3 ESTRIOLO (E3) € 17,20
  • 90.19.4 ESTRIOLO NON CONIUGATO € 9,19
  • 90.20.3 FARMACI ANTIARITMICI € 9,09
  • 90.20.4 FARMACI ANTIINFIAMMATORI € 7 ,23
  • 90.20.5 FARMACI ANTITUMORALI € 9,35
  • 90.21.1 FARMACI DIGITALICI (la dizione è riferita anche alla digossina) € 11,10
  • 90.22.1 FENITOINA € 10,85
  • 90.22.3 FERRITINA € 17,20
  • 90.23.2 FOLATO € 17,20
  • 90.23.3 FOLLITROPINA (FSH) € 17,20
  • 90.24.1 FOSFATASI ALCALINA ISOENZIMA OSSEO € 10,54
  • 90.26.2 GLOBULINA LEGANTE LA TIROXINA (TBG) € 17,20
  • 90.27.2 GLUCOSIO 6 FOSFATO DEIDROGENASI (G6PDH) € 9,30
  • 90.27.5 GONADOTROPINA CORIONICA (Subunità beta, molecola intera) € 14,25
  • 90.28.2 IDROSSIPROLINA [U] € 16,04
  • 90.28.3 IMIPRAMINA € 14,25
  • 90.28.5 INSULINA (Curva da carico o dopo test farmacologici, max. 5) € 27,52
  • 90.29.1 INSULINA € 17,20
  • 90.29.4 LATTOSIO € 2,53
  • 90.30.1 LEVODOPA € 7,33
  • 90.32.3 LUTEOTROPINA (LH) € 17,20
  • 90.32.4 LUTEOTROPINA (LH) E FOLLITROPINA (FSH): Dosaggi seriati dopo GNRH o altro stimolo ( 5 ) € 62,56
  • 90.34.5 ORMONE LATTOGENO PLACENTARE O SOMATOMAMMOTROPINA (HPL) [S] € 17,20
  • 90.35.1 ORMONE SOMATOTROPO (GH) [P/U] € 17,20
  • 90.35.2 ORMONI: Dosaggi seriati dopo stimolo ( 5 ) € 62,56
  • 90.35.4 OSTEOCALCINA (BGP) € 17,20
  • 90.35.5 PARATORMONE (PTH) € 17,20
  • 90.36.4 PIRUVATOCHINASI (PK) € 7,85
  • 90.36.5 POLIPEPTIDE INTESTINALE VASOATTIVO (VIP) € 6,25
  • 90.38.1 PROGESTERONE [S] € 17,20
  • 90.38.2 PROLATTINA (PRL) [S] € 17,20
  • 90.38.3 PROLATTINA (PRL): Dosaggi seriati dopo TRH ( 5 ) € 62,56
  • 90.39.2 PROTOPORFIRINA IX ERITROCITARIA € 7,70
  • 90.39.5 RECETTORI DEGLI ESTROGENI € 19,06
  • 90.40.1 RECETTORI DEL PROGESTERONE € 15,80
  • 90.40.2 RENINA € 17,20
  • 90.41.2 TEOFILLINA € 17,20
  • 90.41.3 TESTOSTERONE € 17,20
  • 90.41.4 TESTOSTERONE LIBERO € 14,22
  • 90.41.5 TIREOGLOBULINA (Tg) € 17,20
  • 90.42.1 TIREOTROPINA (TSH) € 17,20
  • 90.42.2 TIREOTROPINA (TSH): Dosaggi seriati dopo TRH ( 4 ) € 45,26
  • 90.42.3 TIROXINA LIBERA (FT4) € 17,20
  • 90.43.1 TRI TEST: POLIDIAGNOSTICO 1 FETO, GONADOTROPINA CORIONICA ED ESTRIOLO LIBERO € 47,84
  • 90.43.3 TRIODOTIRONINA LIBERA (FT3) € 17,20
  • 90.44.5 VITAMINA D € 16,27
  • 90.46.4 POLIDIAGNOSTICO 2 ANTIPLASMINA € 8,78
  • 90.49.5 ANTICORPI ANTI GLIADINA (IgG, IgA) € 11,41
  • 90.51.1 ANTICORPI ANTI INSULINA (AIAA) € 12,19
  • 90.51.4 ANTICORPI ANTI MICROSOMI (AbTMS) O ANTI TIREOPEROSSIDASI (AbTPO) € 17,20
  • 90.53.5 ANTICORPI ANTI RECETTORI DEL TSH € 22,78
  • 90.54.4 ANTICORPI ANTI TIREOGLOBULINA (AbTg) € 17,20
  • 90.55.1 ANTIGENE CARBOIDRATICO 125 (CA 125) € 17,20
  • 90.55.2 ANTIGENE CARBOIDRATICO 15.3 (CA 15.3) € 17,20
  • 90.55.3 ANTIGENE CARBOIDRATICO 19.9 (CA 19.9) € 17,20
  • 90.55.4 ANTIGENE CARBOIDRATICO 195 (CA 195) € 17,20
  • 90.55.5 ANTIGENE CARBOIDRATICO 50 (CA 50) € 17,20
  • 90.56.1 ANTIGENE CARBOIDRATICO 72-4 (CA 72-4) € 16,59
  • 90.56.2 ANTIGENE CARBOIDRATICO MUCINOSO (MCA) € 17,20
  • 90.56.3 ANTIGENE CARCINO EMBRIONARIO (CEA) € 17,20
  • 90.56.4 ANTIGENE POLIPEPTIDICO TISSUTALE (TPA) € 17,20
  • 90.56.5 ANTIGENE PROSTATICO SPECIFICO (PSA) € 17,20
  • 90.57.1 ANTIGENE TA 4 (SCC) € 17,20
  • 90.61.3 CYFRA 21-1 € 19,06
  • 90.61.4 D-DIMERO (EIA) € 8,52
  • 90.63.1 EPARINA (Mediante dosaggio inibitore fattore X attivato) € 11,05
  • 90.68.1 IgE SPECIFICHE ALLERGOLOGICHE: QUANTITATIVO € 14,46
  • 90.68.2 IgE SPECIFICHE ALLERGOLOGICHE: SCREENING MULTIALLERGENICO QUALITATIVO € 12,03
  • 90.68.4 IgG SOTTOCLASSE 1, 2, 3, 4 (ciascuna) € 15,49
  • 90.68.5 IgG SPECIFICHE ALLERGOLOGICHE € 17,20
  • 90.82.3 TROPONINA I € 14,73
  • 90.87.3 BATTERI PRODOTTI METABOLICI IN MATERIALI BIOLOGICI DIVERSI IDENTIFICAZIONE € 2,27
  • 91.09.4 TOXOPLASMA ANTICORPI (E.I.A.) € 9,29
  • 91.09.5 TOXOPLASMA ANTICORPI (Titolazione mediante agglutinazione) [TEST DI FULTON] € 3,36
  • 91.10.1 TOXOPLASMA ANTICORPI IGM € 9,29
  • 91.10.2 TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI (E.I.A.) € 6,61
  • 91.13.4 VIRUS ANTIGENI IN MATERIALI BIOLOGICI RICERCA DIRETTA (E.I.A.) € 6,30
  • 91.17.1 VIRUS EPATITE A [HAV] ANTICORPI € 17,20
  • 91.17.2 VIRUS EPATITE A [HAV] ANTICORPI IgM € 17,20
  • 91.17.5 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTICORPI HBcAb € 17,20
  • 91.18.1 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTICORPI HBcAb IgM € 17,20
  • 91.18.2 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTICORPI HBeAb € 17,20
  • 91.18.3 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTICORPI HBsAb € 17,20
  • 91.18.4 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBeAg € 17,20
  • 91.18.5 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg € 17,20
  • 91.19.1 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg (Saggio di conferma) € 13,84
  • 91.19.3 VIRUS EPATITE C [HCV] ANALISI QUALITATIVA DI HCV RNA € 50,41
  • 91.19.5 VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI € 17,20
  • 91.20.1 VIRUS EPATITE C [HCV] IMMUNOBLOTTING (Saggio di conferma) € 55,82
  • 91.20.3 VIRUS EPATITE DELTA [HDV] ANTICORPI € 12,03
  • 91.20.4 VIRUS EPATITE DELTA [HDV] ANTICORPI IgM € 17,20
  • 91.21.5 VIRUS HERPES ANTICORPI IGG € 9,29
  • 91.22.1 VIRUS HERPES SIMPLEX (TIPO 1 o 2) ANTICORPI IGM € 9,29
  • 91.22.4 VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI € 15,11
  • 90.53.3 ANTICORPI ANTI PIASTRINE IDENTIFICAZIONE € 70,57
  • 90.53.5 ANTICORPI ANTI RECETTORI DEL TSH € 22,78
  • 90.54.1 ANTICORPI ANTI SPERMATOZOI (ADESI) (ASA) € 8,62
  • 90.54.2 ANTICORPI ANTI SPERMATOZOI (LIBERI) (ASA) € 8,62
  • 90.69.5 INIBITORE ATTIVATORE DEL PLASMINOGENO (PAI I) € 9,61
  • 90.72.1 PROTEINA C ANTICOAGULANTE ANTIGENE [P] € 9,09
  • 90.72.2 PROTEINA C ANTICOAGULANTE FUNZIONALE [P] € 9,09
  • 90.83.3 ACTINOMICETI IN MATERIALI BIOLOGICI ESAME COLTURALE € 8,57
  • 90.83.5 BATTERI ACIDI NUCLEICI IN MATERIALI BIOLOGICI IBRIDAZIONE DIRETTA NAS € 30,68
  • 90.84.1 BATTERI ANAEROBI ANTIBIOGRAMMA DA COLTURA (M.I.C.almeno 10 antibiotici) € 12,19
  • 90.84.2 BATTERI ANAEROBI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 8,16
  • 90.84.3 BATTERI ANAEROBI IN MATERIALI BIOLOGICI ESAME COLTURALE € 11,41
  • 90.84.4 BATTERI ANTIBIOGRAMMA DA COLTURA (attività associazioni antibiotiche) € 6,35
  • 90.84.5 BATTERI ANTIBIOGRAMMA DA COLTURA (attività battericida C.M.B.) € 6,35
  • 90.85.1 BATTERI ANTIBIOGRAMMA DA COLTURA (Kirby Bauer, almeno 10 antibiotici) € 8,41
  • 90.85.2 BATTERI ANTIBIOGRAMMA DA COLTURA (M.I.C., almeno 10 antibiotici) € 12,19
  • 90.85.3 BATTERI ANTIGENI CELLULARI ED EXTRACELLULARI IDENTIFICAZIONE DIRETTA € 5,84
  • 90.86.1 BATTERI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA Nas € 12,19
  • 90.86.2 BATTERI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE SIEROLOGICA Nas € 6,82
  • 90.86.3 BATTERI DETERMINAZIONE CARICA MICROBICA IN LIQUIDI BIOLOGICI DIVERSI € 3,82
  • 90.88.2 BRUCELLE ANTICORPI (Titolazione mediante agglutinazione) [WRIGHT] € 1,47
  • 90.88.3 CAMPYLOBACTER ANTIBIOGRAMMA € 7,64
  • 90.88.4 CAMPYLOBACTER DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 6,20
  • 90.88.5 CAMPYLOBACTER ESAME COLTURALE € 4,85
  • 90.89.2 CHLAMYDIE ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 5,22
  • 90.89.3 CHLAMYDIE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE MICROSCOPICA (Col. Iodio, Giemsa) € 3,41
  • 90.89.4 CHLAMYDIE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE (I.F.) € 3,62
  • 90.89.5 CHLAMYDIE ESAME COLTURALE € 22,68
  • 90.90.4 CLOSTRIDIUM DIFFICILE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 11,36
  • 90.90.5 CLOSTRIDIUM DIFFICILE ESAME COLTURALE € 11,41
  • 90.91.4 E. COLI ENTEROPATOGENI NELLE FECI ESAME COLTURALE € 2,07
  • 90.91.5 E. COLI PATOGENI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 8,16
  • 90.92.1 E. COLI PATOGENI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE SIEROLOGICA € 6,20
  • 90.92.5 ENTAMOEBA HISTOLYTICA ANTICORPI (Titolazione mediante emoagglutinazione passiva) € 6,20
  • 90.93.2 ENTEROBIUS VERMICULARIS [OSSIURI] RICERCA MICROSCOPICA € 3,05
  • 90.93.3 ESAME COLTURALE CAMPIONI BIOLOGICI DIVERSI € 6,66
  • 90.93.4 ESAME COLTURALE CAMPIONI APPARATO GENITOURINARIO € 6,20
  • 90.94.1 ESAME COLTURALE DEL SANGUE [EMOCOLTURA] € 6,47
  • 90.94.5 HELICOBACTER PYLORI IN MATERIALI BIOLOGICI ESAME COLTURALE € 4,44
  • 90.95.4 LEGIONELLE IN MATERIALI BIOLOGICI ESAME COLTURALE € 7,64
  • 90.96.4 LEPTOSPIRE ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 7,85
  • 90.96.5 LEPTOSPIRE ANTICORPI (Titolazione mediante microagglutinazione e lisi) € 9,55
  • 90.97.2 MICETI ANTICORPI (D.I.D.) € 11,31
  • 90.97.3 MICETI [LIEVITI] ANTIMICOGRAMMA DA COLTURA (M.I.C., fino a 5 antimicotici) € 10,54
  • 90.97.4 MICETI [LIEVITI] IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 11,36
  • 90.97.5 MICETI ANTICORPI (Titolazione mediante agglutinazione) € 5,94
  • 90.98.1 MICETI ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 5,32
  • 90.98.3 MICETI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE SIEROLOGICA € 6,20
  • 90.98.4 MICETI IN CAMPIONI BIOLOGICI DIVERSI ESAME COLTURALE € 3,31
  • 91.01.1 MICOBATTERI ANTIBIOGRAMMA DA COLTURA (Met. radiometrico, almeno 3 antibiotici) € 45,45
  • 91.01.2 MICOBATTERI ANTIBIOGRAMMA DA COLTURA (Met. tradizionale, almeno 3 antibiotici) € 10,79
  • 91.01.4 MICOBATTERI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE (Saggio inibizione NAP met. radiometrico ) € 15,49
  • 91.01.5 MICOBATTERI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 8.16
  • 91.02.2 MICOBATTERI IN CAMPIONI BIOLOGICI DIVERSI ESAME COLTURALE (Met. radiometrico) € 14,41
  • 91.02.3 MICOBATTERI IN CAMPIONI BIOLOGICI ESAME COLTURALE (Met. tradizionale) € 8,62
  • 91.03.2 MICOPLASMA PNEUMONIAE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 8,16
  • 91.03.3 MICOPLASMA PNEUMONIAE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE SIEROLOGICA € 6,20
  • 91.03.4 MICOPLASMA PNEUMONIAE IN MATERIALI BIOLOGICI DIVERSI ESAME COLTURALE € 7,75
  • 91.04.2 NEISSERIAE IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 11,36
  • 91.04.3 NEISSERIAE IDENTIFICAZIONE SIEROLOGICA € 6,20
  • 91.05.3 PARASSITI INTESTINALI [PROTOZOI] ESAME COLTURALE (Coltura xenica) € 7,64
  • 91.05.5 PLASMODI DELLA MALARIA NEL SANGUE RICERCA MICROSCOPICA (Giemsa) € 1,70
  • 91.06.2 PNEUMOCISTIS CARINII NEL BRONCOLAVAGGIO ESAME MICROSCOPICO € 3,98
  • 91.07.1 RICKETTSIE ANTICORPI [ANTI PROTEUS SPP.] (Titolazione mediante agglutin.) [WEIL-FELIX] € 8,21
  • 91.07.3 SALMONELLE ANTICORPI (Titolazione mediante agglutinazione) [WIDAL] € 1,95
  • 91.07.4 SALMONELLE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA E SIEROLOGICA DI GRUPPO € 7,33
  • 91.08.2 SCHISTOSOMA ANTICORPI (Titolazione mediante emoagglutinazione passiva) € 6,20
  • 91.09.1 STREPTOCOCCO ANTICORPI ANTI DNAsi B € 5,89
  • 91.09.5 TOXOPLASMA ANTICORPI (Titolazione mediante agglutinazione) [TEST DI FULTON] € 3,36
  • 91.11.3 VIBRIO CHOLERAE NELLE FECI ESAME COLTURALE € 2,07
  • 91.11.4 VIBRIO DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA E SIEROLOGICA € 8,16
  • 91.12.4 VIRUS ADENOVIRUS ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 6,51
  • 91.12.5 VIRUS ADENOVIRUS IN MATERIALI BIOLOGICI ESAME COLTURALE (Metodo rapido) € 25,19
  • 91.13.1 VIRUS ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 5,22
  • 91.13.3 VIRUS ANTIGENI IN MATERIALI BIOLOGICI RICERCA DIRETTA (Agglutinazione passiva) € 6,30
  • 91.14.2 VIRUS CITOMEGALOVIRUS ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 5,32
  • 91.14.4 VIRUS CITOMEGALOVIRUS DA COLTURA IDENTIFICAZIONE MEDIANTE IBRIDAZIONE € 32,54
  • 91.16.1 VIRUS COXSACKIE [B1, B2, B3, B4, B5, B6] ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 6,51
  • 91.20.1 VIRUS EPATITE C [HCV] IMMUNOBLOTTING (Saggio di conferma) € 55,82
  • 91.20.5 VIRUS EPATITE DELTA [HDV] ANTIGENE HDVAg € 16,18
  • 91.21.5 VIRUS HERPES ANTICORPI IGG € 9,29
  • 91.22.5 VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI IMMUNOBLOTTING (Saggio di conferma) € 55,82
  • 91.23.1 VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1] ANTICORPI IMMUNOBLOTTING (Saggio di conferma) € 68,50
  • 91.23.5 VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 2] ANTICORPI IMMUNOBLOTTING (Saggio di conferma) € 50,74
  • 91.24.1 VIRUS IN MATERIALI BIOLOGICI ESAME COLTURALE (Metodo rapido) € 25,19
  • 91.24.2 VIRUS IN MATERIALI BIOLOGICI ESAME COLTURALE (Metodo tradizionale) € 45,37
  • 91.24.5 VIRUS MORBILLO ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 6,51
  • 91.25.3 VIRUS PAROTITE ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 7,49
  • 91.26.2 VIRUS RESPIRATORIO SINCIZIALE ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 4,75
  • 91.27.3 VIRUS VARICELLA ZOSTER ANTICORPI (Titolazione mediante F.C.) € 7,23
  • 91.27.4 YERSINIA DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA € 6,51
  • 91.27.5 YERSINIA NELLE FECI ESAME COLTURALE € 2,07
  • 90.47.3 ANTICORPI ANTI ANTIGENI NUCLEARI ESTRAIBILI (ENA) € 13,32
  • 90.47.5 ANTICORPI ANTI CARDIOLIPINA (IgG, IgA, IgM) € 12,55
  • 90.48.1 ANTICORPI ANTI CELLULE PARIETALI GASTRICHE (PCA) € 8,37
  • 90.48.2 ANTICORPI ANTI CITOPLASMA DEI NEUTROFILI (ANCA) € 11,41
  • 90.48.3 ANTICORPI ANTI DNA NATIVO € 11,88
  • 90.49.5 ANTICORPI ANTI GLIADINA (IgG, IgA) € 11,41
  • 90.50.5 ANTICORPI ANTI INSULA PANCREATICA (ICA) € 8,62
  • 90.51.1 ANTICORPI ANTI INSULINA (AIAA) € 12,19
  • 90.51.2 ANTICORPI ANTI LEUCOCITI € 37,70
  • 90.51.4 ANTICORPI ANTI MICROSOMI (AbTMS) O ANTI TIREOPEROSSIDASI (AbTPO) € 17,20
  • 90.51.5 ANTICORPI ANTI MICROSOMI EPATICI E RENALI (LKMA) € 8,26
  • 90.52.1 ANTICORPI ANTI MITOCONDRI (AMA) € 9,45
  • 90.52.2 ANTICORPI ANTI MUSCOLO LISCIO (ASMA) € 7,44
  • 90.52.3 ANTICORPI ANTI MUSCOLO STRIATO (Cuore) € 7,44
  • 90.52.4 ANTICORPI ANTI NUCLEO (ANA) € 9,66
  • 90.53.2 ANTICORPI ANTI PIASTRINE € 38,53
  • 90.53.4 ANTICORPI ANTI RECETTORE NICOTINICO MUSCOLARE € 22,78
  • 90.54.3 ANTICORPI ANTI SURRENE € 7,44
  • 90.54.4 ANTICORPI ANTI TIREOGLOBULINA (AbTg) € 17,20
  • 90.87.4 BORDETELLA ANTICORPI (E.I.A.) € 9,09
  • 90.87.5 BORRELIA BURGDORFERI ANTICORPI (E.I.A.) € 7,49
  • 90.88.1 BORRELIA BURGDORFERI ANTICORPI (I.F.) € 12,60
  • 90.89.1 CHLAMYDIE ANTICORPI (E.I.A.) € 11,57
  • 90.90.1 CHLAMYDIE RICERCA DIRETTA (E.I.A.) € 7,75
  • 90.90.2 CHLAMYDIE RICERCA DIRETTA (I.F.) € 14,00
  • 90.91.1 CLOSTRIDIUM DIFFICILE TOSSINA NELLE FECI RICERCA DIRETTA (E.I.A.) € 5,84
  • 90.91.2 CRYPTOSPORIDIUM ANTIGENI NELLE FECI RICERCA DIRETTA (E.I.A.) € 3,41
  • 90.91.3 CRYPTOSPORIDIUM ANTIGENI NELLE FECI RICERCA DIRETTA (I.F.) € 5,16
  • 90.92.2 ECHINOCOCCO [IDATIDOSI] ANTICORPI (E.I.A.) € 7,75
  • 90.92.4 ENTAMOEBA HISTOLYTICA ANTICORPI (E.I.A.) € 14,36
  • 90.94.4 HELICOBACTER PYLORI ANTICORPI (E.I.A.) € 8,16
  • 90.95.2 LEGIONELLE ANTICORPI (E.I.A.) € 6,51
  • 90.95.3 LEGIONELLE ANTICORPI (Titolazione mediante I.F.) € 16,59
  • 90.95.5 LEGIONELLE IN MATERIALI BIOLOGICI RICERCA DIRETTA (I.F.) € 13,94
  • 90.96.1 LEISHMANIA ANTICORPI (Titolazione mediante I.F.) € 10,59
  • 90.96.3 LEPTOSPIRE ANTICORPI (E.I.A.) € 13,94
  • 91.01.3 MICOBATTERI ANTICORPI (E.I.A.) € 10,79
  • 91.02.5 MICOPLASMA PNEUMONIAE ANTICORPI (E.I.A.) € 11,21
  • 91.03.1 MICOPLASMA PNEUMONIAE ANTICORPI (Titolazione mediante I.F.) € 7,08
  • 91.06.1 PLASMODIO FALCIPARUM ANTICORPI (Titolazione mediante I.F.) € 7,85
  • 91.06.5 RICKETTSIE ANTICORPI (Titolazione mediante I.F.) € 4,96
  • 91.07.2 SALMONELLE ANTICORPI (E.I.A.) € 6,61
  • 91.09.4 TOXOPLASMA ANTICORPI (E.I.A.) € 9,29
  • 91.10.1 TOXOPLASMA ANTICORPI IGM € 9,29
  • 91.10.2 TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI (E.I.A.) € 6,61
  • 91.12.3 VIRUS ADENOVIRUS ANTICORPI (E.I.A.) € 12,65
  • 91.13.4 VIRUS ANTIGENI IN MATERIALI BIOLOGICI RICERCA DIRETTA (E.I.A.) € 6,30
  • 91.14.1 VIRUS CITOMEGALOVIRUS ANTICORPI (E.I.A.) € 9,29
  • 91.14.3 VIRUS CITOMEGALOVIRUS ANTICORPI IgM (E.I.A.) € 9,29
  • 91.16.2 VIRUS COXSACKIE [B1, B2, B3, B4, B5, B6] ANTICORPI (Titolazione mediante I.F.) € 12,39
  • 91.17.1 VIRUS EPATITE A [HAV] ANTICORPI € 17,20
  • 91.17.2 VIRUS EPATITE A [HAV] ANTICORPI IgM € 17,20
  • 91.17.5 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTICORPI HBcAb € 17,20
  • 91.18.1 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTICORPI HBcAb IgM € 17,20
  • 91.18.2 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTICORPI HBeAb € 17,20
  • 91.18.3 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTICORPI HBsAb € 17,20
  • 91.18.4 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBeAg € 17,20
  • 91.18.5 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg € 17,20
  • 91.19.1 VIRUS EPATITE B [HBV] ANTIGENE HBsAg (Saggio di conferma) € 13,84
  • 91.19.5 VIRUS EPATITE C [HCV] ANTICORPI € 17,20
  • 91.20.3 VIRUS EPATITE DELTA [HDV] ANTICORPI € 12,03
  • 91.20.4 VIRUS EPATITE DELTA [HDV] ANTICORPI IgM € 17,20
  • 91.21.1 VIRUS EPSTEIN BARR [EBV] ANTICORPI (EA o EBNA o VCA) (E.I.A.) € 13,48
  • 91.21.2 VIRUS EPSTEIN BARR [EBV] ANTICORPI (EA o EBNA o VCA) (Titolazione mediante I.F.) € 12,45
  • 91.22.1 VIRUS HERPES SIMPLEX (TIPO 1 o 2) ANTICORPI IGM € 9,29
  • 91.22.4 VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1-2] ANTICORPI € 15,11
  • 91.23.2 VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1] ANTICORPI ANTI ANTIGENE P24 (E.I.A.) € 19,57
  • 91.23.3 VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1] ANTIGENE P24 (E.I.A.) € 23,15
  • 91.23.4 VIRUS IMMUNODEF. ACQUISITA [HIV 1] ANTIGENE P24 DA COLTURE LINFOCITARIE (E.I.A.) € 55,98
  • 91.24.3 VIRUS MORBILLO ANTICORPI (E.I.A.) € 7,75
  • 91.24.4 VIRUS MORBILLO ANTICORPI (I.F.) € 7,75
  • 91.25.1 VIRUS PAROTITE ANTICORPI (E.I.A.) € 9,14
  • 91.25.2 VIRUS PAROTITE ANTICORPI (I.F.) € 5,89
  • 91.25.5 VIRUS RESPIRATORIO SINCIZIALE ANTICORPI (E.I.A.) € 9,14
  • 91.26.1 VIRUS RESPIRATORIO SINCIZIALE ANTICORPI (I.F.) € 7,23
  • 91.26.4 VIRUS ROSOLIA ANTICORPI € 9,29
  • 91.26.5 VIRUS ROSOLIA ANTICORPI (IGM) € 9,29
  • 91.27.1 VIRUS VARICELLA ZOSTER ANTICORPI (E.I.A.) € 7,75
  • 91.27.2 VIRUS VARICELLA ZOSTER ANTICORPI (I.F.) € 7,23
  • 90.01.5 ACIDI BILIARI € 9,14
  • 90.04.5 ALANINA AMINOTRANSFERASI (ALT) (GPT) € 2,88
  • 90.05.1 ALBUMINA € 2,58
  • 90.05.2 ALDOLASI € 2,56
  • 90.05.4 POLIDIAGNOSTICO 1 ANTITRIPSINA € 6,30
  • 90.06.1 POLIDIAGNOSTICO 1 GLICOPROTEINA ACIDA € 6,71
  • 90.06.2 POLIDIAGNOSTICO 1 MICROGLOBULINA € 10,85
  • 90.06.3 POLIDIAGNOSTICO 2 MACROGLOBULINA € 4,18
  • 90.06.4 POLIDIAGNOSTICO AMILASI € 2,56
  • 90.07.5 AMMONIO € 9,09
  • 90.08.4 APOLIPOPROTEINA ALTRA € 6,09
  • 90.08.5 APOLIPOPROTEINA B € 5,94
  • 90.09.1 APTOGLOBINA € 4,65
  • 90.09.2 ASPARTATO AMINOTRANSFERASI (AST) (GOT) € 2,88
  • 90.10.4 BILIRUBINA TOTALE € 1,70
  • 90.10.5 BILIRUBINA TOTALE E FRAZIONATA € 3,40
  • 90.11.4 CALCIO TOTALE € 2,78
  • 90.12.1 CALCOLI E CONCREZIONI (Ricerca semiquantitativa) € 10,07
  • 90.12.2 CALCOLI ESAME CHIMICO DI BASE (Ricerca qualitativa) € 1,79
  • 90.12.5 CERULOPLASMINA € 5,68
  • 90.13.1 CHIMOTRIPSINA [Feci] € 5,42
  • 90.13.3 CLORURO € 2,78
  • 90.14.1 COLESTEROLO HDL € 1,86
  • 90.14.2 COLESTEROLO LDL € 0,67
  • 90.14.3 COLESTEROLO TOTALE € 2,28
  • 90.14.4 COLINESTERASI (PSEUDO-CHE) € 1,55
  • 90.15.1 CORPI CHETONICI € 0,77
  • 90.15.4 CREATINCHINASI (CPK o CK) € 1,96
  • 90.15.5 CREATINCHINASI ISOENZIMA MB (CK-MB) € 3,72
  • 90.16.3 CREATININA € 2,56
  • 90.16.4 CREATININA CLEARANCE € 1,76
  • 90.21.3 FECI ESAME CHIMICO E MICROSCOPICO (Grassi, prod. di digestione, parassiti) € 3,23
  • 90.21.4 FECI SANGUE OCCULTO € 0,79
  • 90.22.4 FERRO € 5,32
  • 90.22.5 FERRO € 2,56
  • 90.23.4 FOSFATASI ACIDA € 2,56
  • 90.23.5 FOSFATASI ALCALINA € 2,56
  • 90.24.2 FOSFATASI PROSTATICA (PAP) € 17,20
  • 90.24.3 FOSFATO INORGANICO € 2,78
  • 90.24.5 FOSFORO € 2,78
  • 90.25.4 GALATTOSIO € 2,12
  • 90.25.5 GAMMA GLUTAMIL TRANSPEPTIDASI (gamma GT) € 1,24
  • 90.26.4 GLUCOSIO (Curva da carico 3 determinazioni) € 2,43
  • 90.26.5 GLUCOSIO (Curva da carico 6 determinazioni) € 5,96
  • 90.27.1 GLUCOSIO € 1,70
  • 90.27.4 GONADOTROPINA CORIONICA (Subunità beta frazione libera) € 17,20
  • 90.28.1 Hb – EMOGLOBINA GLICATA € 10,59
  • 90.28.4 IMMUNOGLOBULINE: CATENE KAPPA E LAMBDA € 9,30
  • 90.29.2 LATTATO DEIDROGENASI (LDH) € 2,56
  • 90.30.2 LIPASI € 3,20
  • 90.30.3 LIPOPROTEINA (a) € 13,63
  • 90.30.4 LIQUIDI DA VERSAMENTI ESAME CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO € 3,98
  • 90.31.4 LIQUIDO SEMINALE ESAME MORFOLOGICO E INDICE DI FERTILITA’ € 4,18
  • 90.31.5 LIQUIDO SEMINALE PROVE DI VALUTAZIONE DELLA FERTILITA’ € 7,59
  • 90.32.1 LIQUIDO SINOVIALE ESAME CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO € 2,58
  • 90.32.2 LITIO € 4,13
  • 90.32.5 MAGNESIO TOTALE € 1,70
  • 90.33.4 MICROALBUMINURIA QUANTITATIVA € 4,65
  • 90.33.5 MIOGLOBINA € 7,59
  • 90.35.3 OSSALATI € 8,93
  • 90.36.2 pH EMATICO € 7,44
  • 90.37.4 POTASSIO € 2,78
  • 90.38.4 PROTEINE (ELETTROFORESI DELLE) € 7,84
  • 90.38.5 PROTEINE € 1,88
  • 90.39.1 PROTEINE URINARIE (ELETTROFORESI DELLE) € 4,65
  • 90.40.4 SODIO € 2,76
  • 90.42.4 TRANSFERRINA (Capacità ferrolegante) € 3,98
  • 90.42.5 TRANSFERRINA € 5,16
  • 90.43.2 TRIGLICERIDI € 5,17
  • 90.43.5 URATO € 1,70
  • 90.44.1 UREA € 1,70
  • 90.44.2 URINE CONTA DI ADDIS € 3,87
  • 90.44.3 URINE ESAME CHIMICO FISICO E MICROSCOPICO € 1,14
  • 90.49.3 ANTICORPI ANTI ERITROCITI [Test di Coombs indiretto] € 3,19
  • 90.57.5 ANTITROMBINA III FUNZIONALE € 2,79
  • 90.60.1 COMPLEMENTO (C1 Inibitore) € 6,20
  • 90.60.2 COMPLEMENTO: C1Q, C3, C3 ATT., C4 (Ciascuno) € 6,61
  • 90.61.1 CRIOGLOBULINE RICERCA € 1,76
  • 90.61.2 CRIOGLOBULINE TIPIZZAZIONE € 11,67
  • 90.61.5 D-DIMERO (Test al latice) € 7,13
  • 90.62.2 EMOCROMO: Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV., F. L. € 4,89
  • 90.62.5 EOSINOFILI (Conteggio)[Alb] € 1,28
  • 90.63.2 ERITROCITI: ANTIGENI NON ABO E NON RH (Per ciascuno antigene) € 6,71
  • 90.64.2 FATTORE REUMATOIDE € 4,75
  • 90.65.1 FIBRINOGENO FUNZIONALE € 2,56
  • 90.65.3 GRUPPO SANGUIGNO ABO e Rh (D) € 5,17
  • 90.66.4 Hb – EMOGLOBINA FETALE (Dosaggio) € 3,98
  • 90.66.5 Hb – EMOGLOBINE ANOMALE (HbS, HbD, HbH, ecc.) € 14,36
  • 90.67.5 IgA SECRETORIE € 7,33
  • 90.68.3 IgE TOTALI € 17,20
  • 90.69.4 IMMUNOGLOBULINE IgA, IgG o IgM (Ciascuna) € 5,84
  • 90.70.4 LEUCOCITI (Conteggio e formula leucocitaria microscopica) € 1,95
  • 90.71.3 PIASTRINE (Conteggio) € 1,58
  • 90.72.3 PROTEINA C REATTIVA (Quantitativa) € 4,75
  • 90.74.2 REAZIONE DI WAALER ROSE € 2,14
  • 90.74.5 RETICOLOCITI (Conteggio) € 1,28
  • 90.75.2 TEMPO DI EMORRAGIA SEC. MIELKE € 1,60
  • 90.75.4 TEMPO DI PROTROMBINA (PT) € 2,87
  • 90.75.5 TEMPO DI TROMBINA (TT) € 2,79
  • 90.76.1 TEMPO DI TROMBOPLASTINA PARZIALE (PTT) € 2,53
  • 90.76.2 TEST DI AGGREGAZIONE PIASTRINICA Secondo Born cadauna € 3,98
  • 90.78.1 TINE TEST (Reazione cutanea alla turbecolina) € 1,75
  • 90.82.4 VALORE EMATOCRITO € 0,85
  • 90.82.5 VELOCITA’ DI SEDIMENTAZIONE DELLE EMAZIE (VES) € 1,28
  • 90.86.4 BATTERI IN CAMPIONI BIOLOGICI DIVERSI RICERCA MICROSCOPICA € 1,86
  • 90.86.5 BATTERI IN CAMPIONI BIOLOGICI DIVERSI RICERCA MICROSCOPICA € 2,43
  • 90.92.3 ECHINOCOCCO [IDATIDOSI] ANTICORPI (Titolazione mediante I.H.A.) € 8,06
  • 90.93.1 ENTAMOEBA HISTOLYTICA NELLE FECI ESAME COLTURALE (Coltura xenica) € 7,64
  • 90.93.5 ESAME COLTURALE CAMPIONI CAVITA’ ORO-FARINGO-NASALE € 6,20
  • 90.94.2 ESAME COLTURALE DELL’ URINA [URINOCOLTURA] € 8,31
  • 90.94.3 ESAME COLTURALE DELLE FECI [COPROCOLTURA] € 9,40
  • 90.97.1 LISTERIA MONOCYTOGENES ANTICORPI (Titolazione mediante agglutinazione) € 3,72
  • 90.98.2 MICETI DA COLTURA IDENTIFICAZIONE MICROSCOPICA (Osservazione morfologica) € 2,74
  • 90.98.5 MICETI IN CAMPIONI BIOLOGICI DIVERSI RICERCA MICROSCOPICA € 2,74
  • 91.02.4 MICOBATTERI IN CAMPIONI BIOLOGICI RICERCA MICROSCOPICA (Ziehl-Neelsen, Kinyiun) € 3,56
  • 91.03.5 NEISSERIA GONORRHOEAE ESAME COLTURALE € 3,15
  • 91.04.1 NEISSERIA MENINGITIDIS ESAME COLTURALE € 3,15
  • 91.04.4 PARASSITI [ELMINTI, PROTOZOI] NEL SANGUE ESAME MICROSCOPICO (Giemsa) € 3,56
  • 91.04.5 PARASSITI IN MATERIALI BIOLOGICI RICERCA MACRO E MICROSCOPICA € 1,70
  • 91.05.1 PARASSITI INTESTINALI [ELMINTI, PROTOZOI] RICERCA MACRO E MICROSCOPICA € 2,74
  • 91.05.2 PARASSITI INTESTINALI [ELMINTI, PROTOZOI] RICERCA MICROSCOPICA (Col. tricromica) € 4,70
  • 91.05.4 PARASSITI INTESTINALI RICERCA MICROSCOPICA (Previa concentraz. o arricchim.) € 1,53
  • 91.06.4 PROTOZOI IN MATERIALI BIOLOGICI DIVERSI ESAME COLTURALE € 7,64
  • 91.07.5 SALMONELLE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE SIEROLOGICA € 9,09
  • 91.08.1 SALMONELLE E BRUCELLE ANTICORPI (Titolazione mediante agglutin.) [WIDAL-WRIGHT] € 2,56
  • 91.08.3 SHIGELLE DA COLTURA IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA E SIEROLOGICA € 8,16
  • 91.08.4 STREPTOCOCCO AGALACTIAE NEL TAMPONE VAGINALE ESAME COLTURALE € 3,72
  • 91.08.5 STREPTOCOCCO ANTICORPI ANTI ANTISTREPTOLISINA-O [T.A.S.] € 3,18
  • 91.09.2 STREPTOCOCCUS PYOGENES NEL TAMPONE OROFARINGEO ESAME COLTURALE € 5,78
  • 91.10.3 TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI (I.F.) [FTA-ABS] € 8,16
  • 91.10.4 TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI (Ricerca qualitat. mediante emoagglutin. passiva) [TPHA] € 3,46
  • 91.10.5 TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI (Ricerca quantit. mediante emoagglutin. passiva) [TPHA] € 5,78
  • 91.11.1 TREPONEMA PALLIDUM ANTICORPI ANTI CARDIOLIPINA (Flocculazione) [VDRL] [RPR] € 3,36
  • 91.11.2 TRICHOMONAS VAGINALIS NEL SECRETO VAGINALE ESAME COLTURALE € 4,13
  • 91.21.3 VIRUS EPSTEIN BARR [EBV] ANTICORPI ETEROFILI (Test rapido) € 7,64
  • 91.21.4 VIRUS EPSTEIN BARR [EBV] ANTICORPI ETEROFILI [R. PAUL BUNNEL DAVIDSOHN] € 2,56
  • 91.49.1 PRELIEVO DI SANGUE CAPILLARE € 2,58
  • 91.49.2 PRELIEVO DI SANGUE VENOSO € 2,07
  • 91.49.3 PRELIEVO MICROBIOLOGICO € 2,58

 

ELENCO DELLE PRESTAZIONI A PAGAMENTO:

  • AC. PARA AMINOIPPURICO
  • AC. δ AMINO LEVULINICO
  • AC. VANILMANDELICO
  • ANTICORPI ANTI CITRULLINA
  • ANTICORPI ANTI ENDOMISIO (EMA)
  • ADH
  • CALPROTECTINA FECALE
  • CARBOSSIEMOGLOBINA
  • CARIOTIPO
  • CROMOGRANINA
  • DUO TEST
  • ERITROPOIETINA
  • ES. CITOLOGICO URINARIO
  • ES. CITOLOGICO ESPETTORATO
  • ES. CITOLOGICO VAGINALE (PAP TEST)
  • FIBROSI CISTICA
  • IDROSSIPROLINURIA
  • LAMOTRIGINA
  • MERCURIO
  • OMOCISTEINA
  • OMOCISTEINA URINARIA
  • PORFIRINE
  • PIOMBO
  • PSA FREE
  • RAME
  • TEST DI NORDIN
  • TIPIZZAZIONE LINFOCITARIA (tutte le popolazioni)
  • (solo CD4 e CD8)
  • TRANSGLUTAMINASI
  • VIRUS EPATITE B DNA ANALISI QUANTITATIVA
  • VIRUS EPATITE C RNA QUALITATIVO
  • VIRUS EPATITE C RNA QUANTITATIVO
  • VIRUS EPATITE C RNA GENOTIPO
  • ZINCO
  • FATTORI DELLA COAGULAZIONE
  • SISTEMA HLA
  • MICRODELEZIONE DEL CROMOSOMA Y
  • BETA E ALFA TALASSEMIA
  • HCV QUANTITATIVO QUALITATIVO
  • HBV QUANTITATIVO QUALITATIVO
  • DETERMINAZIONI DI BATTERI, MICETI E MICOPLASMI SU MATERIALE BIOLOGICO
  • ESAME LIQUIDO AMINIOTICO

8. Preparazione all’esame

  •  FATTORI COAGULAZIONE

Le patologie cardiovascolari sono la causa più comune di morbilità e mortalità nel mondo occidentale. Queste malattie hanno alla base disordini del flusso e della pressione artero-venosi.

I tradizionali fattori di rischio comprendono l’età, il sesso, il diabete mellito, l’obesità, elevati livelli di colesterolo nel sangue, l’ipertensione, il fumo e l’inattività fisica. Tuttavia non tutti i casi clinici sono riconducibili a qualcuno di questi fattori di rischio. Infatti, in alcuni casi l’unico fattore di rischio evidente è una storia familiare di malattia cardiovascolare precoce, riconducibile ad una predisposizione genetica dell’individuo allo sviluppo della patologia.

Pertanto negli ultimi anni si è sviluppato un interesse sempre crescente nei confronti dei potenziali marcatori genetici di rischio cardiovascolare, in modo da poter sviluppare nuove misure preventive e/o terapeutiche. In particolare, si stanno studiando le possibili interazioni tra i fattori di rischio ambientale e quelli genetici. I primi comprendono lo stile di vita (alcool,fumo e droghe), l’alimentazione e lo stress mentre la suscettibilità genetica può essere dovuta a mutazioni e/o polimorfismi di diversi geni coinvolti prevalentemente nella cascata coagulativa, nella regolazione della pressione arteriosa, nel metabolismo di lipidi, glucosio, omocisteina e ferro.

Nella nostra popolazione, tra i vari marcatori genetici studiati, sono interessati i geni dei fattori della coagulazione (Fattore V, Fattore II, Fattore XIII), della metilentetraidrofolato reduttasi (MTHFR) della cistationina beta sintetasi (CBS), dell’inibitore dell’attivazione del plasminogeno (PAI-1), della proteina di trasferimento degli esteri di colesterolo (CETP), della Glicoproteina IIIa piastrinica (GPIIIa),dell’enzima di conversione del colesterolo in acidi biliari (CYP7A1), dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE), dell’apolipoproteina E, dell’apolipoproteina B, dell’angiotensinogeno (AGT), del recettore dell’angiotensina II (ATR-1), del β-fibrinogeno.

 

  •  FATTORE II G20210A

La protrombina, o Fattore II della coagulazione, svolge un ruolo fondamentale nella cascata coagulativa in quanto la sua attivazione in trombina porta alla trasformazione del fibrinogeno in fibrina e quindi alla formazione del coagulo.

È stata descritta una variante genetica comune nella regione 3΄UTR del gene, non trascritta, che è associata ad elevati livelli di protrombina funzionale nel plasma.Di conseguenza, tale variazione, è associata ad un’ aumento del rischio trombotico, specie di tipo venoso. Trattasi di una sostituzione di una G (guanina) con una A (adenina) in posizione 20210 (G20210A), una regione che è sicuramente coinvolta nella regolazione genica post-trascrizionale che regola la stabilità dell’RNA messaggero o una maggiore efficienza di trascrizione del messaggero stesso.

L’ omozigosi è rara mentre per gli eterozigoti c’è un rischio aumentato di 3 volte di sviluppare una trombosi venosa, di 5 volte per ictus ischemico ed infarto miocardico in donne giovani, di 1,5 per gli uomini, di 7 volte nei diabetici, di 10 volte per trombosi delle vene cerebrali e di 149 volte in donne che assumono contraccettivi orali.

 

  • FATTORE V (Leiden) R506Q

Il Fattore V attivato è un cofattore essenziale per l’attivazione della protrombina (Fattore II) a trombina. Il suo effetto pro-coagulante è normalmente inibito dalla Proteina C attivata (APC) che taglia il Fattore V attivato in tre parti. Un sito di taglio è localizzato in corrispondenza dell’aminoacido arginina in posizione 506. In tal punto è stata individuata una mutazione, data dalla sostituzione di una G (guanina) con una A (adenina),che comporta un cambio aminioacidico. Infatti l’arginina è sostituita dalla glutammina che impedisce il taglio da parte della Proteina C attivata. Ne consegue una resistenza alla Proteina C attivata nei test di laboratorio ed una maggiore attività pro-coagulante del Fattore V attivato che predispone alla trombosi.

Tale variante G1691A è definita variante di Leiden (località in cui fu scoperta) ed ha una frequenza genica dell’4-4,2% in Europa, con una frequenza di portatori in eterozigosi in Italia pari al 2-3%, mentre l’omozigosità per tale mutazione ha un’incidenza di 1:5000.

I soggetti eterozigoti hanno un rischio 8 volte superiore di sviluppare una trombosi venosa, mentre gli omozigoti hanno un rischio aumentato di 80 volte.

Tale evento trombotico è favorito in presenza di altre condizioni predisponenti quali la gravidanza, l’ assunzione di contraccettivi orali (rischio aumentato di 30 volte negli eterozigoti e di alcune centinaia negli omozigoti) gli interventi chirurgici.

In gravidanza una condizione genetica di eterozigosi per il Fattore di Leiden è considerata predisponente all’aborto spontaneo, alla eclampsia, a difetti placentari.

 

  •  FATTORE V (HRII) H1299R

Tale variante, chiamata comunemente allele R2, da sola dà una debole resistenza alla Proteina C attivata, ma in combinazione con il Fattore V di Leiden aumenta ulteriormente il rischio di trombosi. Inoltre rappresenta un fattore di rischio dei circa 3,9% di insorgenza di infarto celebrale.

 

  •  MTHFR C677T- MTHFR A1298C

La metilentetraidrofolaro reduttasi (MTHFR) è un enzima convolto nella trasformazione del 5-10 metilentetraidrofolato in 5 metilteraidrofolato che serve come donatore di metili per la rimetilazione della omocisteina a metionina tramite l’intervento della vitamina 12.

Rare mutazioni (trasmesse con modalità autosomica recessiva) possono causare la deficienza grave di MTHFR con attività enzimatica inferiore al 20% e comparsa di omocisteinemia ed omocistenuria e bassi livelli plasmatici di acido folico.

Accanto alla deficienza grave di MTHFR è stato identificato un polimorfismo genetico comune, dovuto alla sostituzione di una C (citosina) in T (timina) al nucleotide 677 (C677T), che causa una sostituzione di un alanina in una valina nella proteina finale ed una riduzione dell’attività enzimatica della MTHFR pari al 50%. Tale variante comporta livelli elevati nel sangue di omocisteina specie dopo carico orale di metionina.

La condizione di eterozigosità si riscontra nel 42-46% della nostra popolazione mentre quella di omozigosità circa nel 12-13%.

Anche un’altra mutazione del gene MTHFR (A1298C) è stata associata ad una ridotta attività enzimatica, nel 40% dei casi associata alla mutazione C677T determinando anche questa un’aumento dei livelli ematici di omocisteina.

La condizione di doppia eterozigosi, specie con la variante Leiden del Fattore V o con la variante G20210A del Fattore II, può aumentare il rischio relativo per il tromboembolismo venoso.

 

  • PAI-1 (4G/5G)

A livello della regione promotore del gene PAI-1 è presente un polimorfismo del tipo inserzione/delezione di una G (4G/5G). Alcuni studi hanno dimostrato che il genotipo 4G/4G è associato a livelli plasmatici elevati di PAI-1 con conseguente rischio di malattie coronariche e nelle donne in gravidanza aumentato rischio di preeclampsia, rispetto al genotipo 5G/5G.

 

  •  ACE

I polimorfismi a carico del gene ACE sono stati associati a malattie coronariche e a infarto.

I livelli plasmatici di ACE possono dipendere dal polimorfismo I/D a carico dell’introne 16 del gene. In particolare, gli alleli I e D indicano, rispettivamente, la presenza o l’assenza di un frammento di 287bp a livello di tale regione intronica. La presenza dell’allele D è associata ad un maggior livello plasmatico di ACE e quindi ad un maggior rischio di ipercoagulabilità e danno endoteliale.

 

  •  APOE

L’apolipoproteina E (APOE) è una proteina plasmatica coinvolta nel trasporto del colesterolo, che si lega alla proteina amiloide , e quindi svolge un ruolo fondamentale nel catabolismo delle lipoproteine ricche di trigliceridi e colesterolo.

Esistono diverse forme che sono codificate da tre diversi alleli (ε2, ε3 e ε4).

Studi clinici hanno dimostrato che l’allele ε3 è il più frequente (77%), l’allele ε2 è correlato a riduzione dei livelli di LDL e sembra essere protettivo per la malattia di Alzheimer. Al contrario, l’allele ε4 è correlato ad aumentati livelli di LDL, con conseguente incremento del rischio aterosclerotico e di prematura vascolopatia periferica e coronarica, nonché con rischio per Alzheimer. Infatti, la presenza del genotipo APOE ε4, anche in eterozigosi, determinerebbe un aumento di circa 3 volte del rischio di sviluppare la malattia nelle forme ad esordio tardivo, familiare e sporadico.

 

  • GPIIIa (detto anche HPAI)

GPIIIa o HPAI riveste un ruolo fondamentale nel processo si aggregazione piastrinica, ed è direttamente coinvolta nella trombosi arteriosa, in particolare del miocardio.

La genotipizzazione di HPAI (Human Platelet Alloantigens) permette di distinguere le isoforme alleliche A1 e A2. Queste sono determinate dal polimorfismo Leu33Pro dato dalla variazione nucleotidica T (A1) a C (A2) in posizione 1565 dell’esone 2 del gene ITGB3 con conseguente variazione aminoacidica Leu->Pro a livello del codone 33.

Diversi studi hanno associato la presenza di almeno un allele A2 a stati di ipercoagulazione con conseguenti complicanze trombotiche venose.

 

  • CBS

La Cistationina Beta Sintetasi (CBS) è l’enzima responsabile della trans-sulfurazione dell’omocisteina. Il deficit di questo enzima determina aumento dell’omocisteina nel sangue ed omocistenuria. Alti livelli di omocisteina sono considerati un fattore di rischio sia per le trombosi arteriose che venose.

Tra le mutazioni di CBS ritrovate, quella più frequente nella nostra popolazione è la 844INS68 che consiste nell’inserzione di 68bp tra i nucleotidi 844-845 del gene. L’eterozigosi è presente nel 10-15% della popolazione e si associa a iperomocisteinemia quando coesistono altre alterazioni genetiche. In particolare, se associato alla presenza di mutazione a carico dell’enzima MTHFR, può indicare un aumento di rischio per patologie occlusive venose ed arteriose.

 

  • CYP- 7A1

L’enzima CYP-7A1 ha un ruolo fondamentale nella conversione del colesterolo in acidi biliari. Il polimorfismo A278C, attualmente molto studiato, riveste un ruolo importante nella variazione dei livelli di colesterolo.

 

  •  AGT

Il gene AGT controlla la produzione di angiotensinogeno, una proteina che svolge un ruolo determinante nel sistema renina-angiotensina, sistema che regola la pressione arteriosa e quindi la funzionalità cardiaca.

Nella popolazione caucasica il genotipo TT, del polimorfismo M235T, è associato ad un fenotipo di ipertensione maligna.

 

  • CETP

CETP (proteina di trasferimento del colesterolo esterificato) è coinvolta nel trasferimento degli esteri del colesterolo da HDL ai complessi lipoproteici contenenti APOB.

Il gene CETP è posizionato sul cromosoma 16 ed è altamente polimorfico ed alcuni polimorfismi hanno un ruolo importante nella variazione dei livelli di lipoproteine e nella loro composizione. Lo studio del polimorfismo I405V è determinante per la valutazione del genotipo V/V che è associato ad una minore frequenza di danni a livello del sistema vascolare. Infatti, persone con genotipo V/V hanno un profilo ipoproteico meno aterogenico ( colesterolo totale più basso, minore LDL) di quelli con genotipo I/V e I/I.

 

  • APO B 100

Vari studi hanno dimostrato che la mutazione G10708A altera la conformazione del dominio di legame di Apo B 100 con conseguente riduzione dell’affinita’ al recettore delle LDL. Tale mutazione determina una sostituzione aminoacidica al codone 3500 di un’arginina con una glutammica (R3500Q). E’ responsabile della “Familiar detective apolipoprotein B100”, disordine autosomico codominante associato ad elevate concentrazioni plasmatiche di colesterolo e di LDL. Nella nostra popolazione la frequenza di mutazione è di 1:500/700.

 

  • FATTORE XIII

E’ un eterotetramero A2B2. Le subunita’ A possiedono attivita’ enzimatica transglutaminasica, che risulta attivata dalla trombina. Tale fattore esplica una importante funzione nella coagulazione e nella fibrinolisi. E’ responsabile della stabilizzazione del coagulo di fibrina attraverso la formazione di legami covalenti tra le catene α e γ.

Il polimorfismo C/T, responsabile della sostituzione Val34Leu in posizione 34 della catena A, sembra conferire un ruolo protettivo nei confronti delle patologie trombotiche.

 

  • Β-FIBRINOGENO

Dimero glicoproteico di cui ogni catena è costituita da tre catene polipeptidiche α, β e γ.

La sintesi della catena β è la tappa limitante dell’assemblaggio del fibrinogeno per cui un polimorfismo a carico del promotore di tale catena, in particolare il 455G/A (che determina un incremento delle catene β), provoca un aumento dei livelli plasmatici di fibrinogeno e quindi favorisce la trombosi.

Il kit utilizzato identifica le principali mutazioni a carico dei fattori elencati e prevede l’isolamento del DNA da sangue non coagulato, amplificazione delle sequenze del gene della proteina CFTR, rivelazione delle mutazioni mediante ibridazione inversa e successiva rivelazione colorimetrica.

Il fattore II G20210A, il fattore V di Leiden, MTHFR1 C677T e MTHFR2 A1298C possono essere analizzati anche con tecnica Real Time PCR.

CAMPIONE: sangue periferico trattato con EDTA (provetta tappo viola)

SPECIALISTI MEDICI : cardiologi, ematologi, ginecologi, andrologi

TEMPI REFERTAZIONE: 7-10 giorn

 

  •  FIBROSI CISTICA

La fibrosi cistica è la malattia congenita cronica, evolutiva, trasmessa con meccanismo autosomico recessivo, piu’ frequente nella popolazione caucasica: ne è affetto un neonato ogni 2500-2700 nati vivi.

La fibrosi cistica è secondaria ad un’anomalia della proteina CFTR (Cystic Fibrosis Transmembrane Conductance Regulator) localizzata nella membrana apicale delle cellule degli epiteli; la sua funzione è quella di regolare gli scambi idroelettrolitici.

Il gene che codifica questa proteina è stato localizzato sul braccio lungo del cromosoma7. All’ alterazione della proteina consegue un’anomalia del trasporto di sali che determina principalmente una produzione di secrezioni per così dire “disidratate” : il sudore è molto ricco di sodio e cloro, il muco è denso e vIscoso e tende ad ostruire i dotti nei quali viene a trovarsi.

La malattia coinvolge molti organi ed apparati: l’apparato respiratorio, dalle prime vie aeree al tessuto polmonare, il pancreas nella produzione di enzimi digestivi, il fegato, l’intestino e l’apparato riproduttivo.

La malattia può manifestarsi precocemente, in età neonatale o nelle prime settimane o mesi di vita, con gravità diversa, in alcuni casi in correlazione a particolari mutazioni genetiche.

Più raramente la malattia può evidenziarsi nell’età adolescenziale o adulta con quadri clinici meno gravi.

Il kit utilizzato identifica 39 mutazioni e prevede l’isolamento del DNA da sangue non coagulato, amplificazione delle sequenze del gene della proteina CFTR, rivelazione delle mutazioni mediante ibridazione inversa e successiva rivelazione colorimetrica.

CAMPIONE: sangue periferico trattato con EDTA (provetta tappo viola)

SPECIALISTI MEDICI : ginecologi, andrologi

TEMPI REFERTAZIONE: 7-10 giorni

 

  • IDENTIFICAZIONE DELLE MICRODELEZIONI DELLA REGIONE AZF DEL CROMOSOMA Y

Le microdelezioni del cromosoma y nelle regioni AZF ( Azoospermia Factor), si riscontrano nel 10-15% dei soggetti azoospermici e nel 5-7% dei pazienti oligozoospermici.

La struttura del braccio lungo del cromosoma y (Yq) predispone a delle delezioni di intere regioni e le microdelezioni parziali o di geni isolati sono rari.

Il kit utilizzato permette di identificare, in seguito ad isolamento del DNA da sangue non coagulato e mediante l’uso della tecnica PCR, microdelezioni del cromosoma y all’interno delle 3 regioni AZF: AZFa, AZFb, AZFc.

Le regioni amplificate sono delle “sequenze tagged sites” (STS) indicate dalle linee guida dell’ Accademia Europea di Andrologia (per AZFa: sY84, sY86; per AZFb: sY127, sY134; per AZFc: sY254, sY255)

Il kit permette di individuare quasi il 100% delle delezioni clinicamente importanti.

CAMPIONE: sangue periferico trattato con EDTA (provetta tappo viola)

SPECIALISTI MEDICI : ginecologi, andrologi

TEMPI REFERTAZIONE: 7-10 giorni

 

  • FISH SU LIQUIDO SEMINALE

La FISH (Fluorescence in Situ Hybridization) è un’analisi citogenetica molecolare che utilizza sonde a fluorescenza.

L’applicazione della tecnica FISH per l’analisi cromosomica degli spermatozoi ha consentito la valutazione della frequenza delle anaeuploidie dei gameti maschili per quasi tutti i cromosomi, ha permesso l’identificazione dei cromosomi più frequentemente coinvolti e la comprensione dei meccanismi che determinano le anaeuploidie stesse.

I cromosomi indagati per lo studio delle anaeuploidie sono il 13,18,21,X e Y.

L’esame viene eseguito su campione di liquido seminale ed è rivolto ad un’ utenza di coppie infertili candidate a tecniche di fecondazione assistita di II livello quali ICSI, TESA/E (TEsticular Sperm Extraction) associate ad ICSI e/o a coppie che hanno casi di abortività ripetuta.

Nei pazienti con gravi patologie del liquido seminale si riscontra una più alta frequenza di alterazioni numeriche a carico dei cromosomi sessuali X e Y che possono essere ereditate dalla progenie.

Per eseguire il prelievo di liquido seminale è necessaria un’astinenza di almeno 3 giorni ed il campione deve pervenire al laboratorio entro 3 ore dal prelivo. E’ preferibile che il paziente esegua il prelievo direttamente presso il laboratorio specialistico.

Lo studio prevede l’utilizzo di microscopio a fluorescenza dotato di speciali filtri.

Il risultato del test è utile per valutare la percentuale di anaeuploidie dei cromosomi indagati negli spermatozoi, per cui è da intendersi esclusivamente come approfondimento diagnostico.

Per ogni tipo di valutazione ed interpretazione medica e’ consigliabile la consulenza medica specialistica.

CAMPIONE: liquido seminale

SPECIALISTI MEDICI : ginecologi, andrologi

TEMPI REFERTAZIONE: 14 giorni

 

  • CELIACHIA

La celiachia è un disordine gastrointestinale di tipo autoimmune, caratterizzato da lesioni infiammatorie che coinvolgono la mucosa dell’ intestino tenue in seguito a ingestione di glutine ( contenuto in frumento, segale e orzo), che determina malassorbimento.

Attualmente viene definita come patologia multi-sistemica immuno-mediata fortemente legata al sistema HLA, che associa determinati fattori ambientali (proteine del glutine) ad una importante base genetica (predisposizione).

La risposta immunologia scatenata dal glutine a livello dell’epitelio intestinale è correlata a sistemi di presentazione degli antigeni di classe II: nel 90% dei casi la malattia è associata alla presenza di antigeni HLA di classe II DQ2 e nei restanti casi ad HLA di classe II DQ8.

La predisposizione genetica legata al sistema HLA è in grado di spiegare solo parzialmente la presenza di questa patologia; tuttavia questa correlazione permette di utilizzare l’indagine HLA come test con valore predittivo negativo o per l’individuazione di soggetti a rischio.

I test di laboratorio, fondamentali per l’inquadramento della malattia, sono infatti spesso in grado di individuare soggetti celiaci con segni clinici subdoli e di non facile interpretazione.

Il kit utilizzato identifica i principali aplotipi riconosciuti come predisponenti alla patologia celiaca mediante quattro passaggi: solamento del DNA da sangue non coagulato,amplificazione delle sequenze bersaglio, ibridazione inversa su striscia e successiva rivelazione colorimetrica.

CAMPIONE: sangue periferico trattato con EDTA (provetta tappo viola)

SPECIALISTI MEDICI : gastoenterologi, ginecologi, andrologi.

TEMPI REFERTAZIONE: 7-10 giorni

 

  • ALFA TALASSEMIA E BETA TALASSEMIA

Le Talassemie sono un gruppo di disordini ereditari della sintesi globinica, dovuti alla difettosa o assente produzione di una delle catene globiniche (alfa, beta, gamma, delta) che costituiscono le molecole dell’emoglobina umana.

Le diverse catene si assemblano a due a due, a formare dei tetrameri che vanno poi a formare l’emoglobina insieme ad una struttura non proteica (eme) che contiene il ferro essenziale per fissare l’ossigeno.

L’elemento caratteristico della talassemia è la sintesi difettiva di una globina che conduce ad una produzione sbilanciata, per eccesso relativo delle altre catene.

In base al tipo di globina interessata si distinguono principalmente due varietà di talassemia, le beta e le alfa talassemie, oltre a forme di minore rilevanza clinica.

Le catene in eccesso formano tetrameri instabili che aggregano nei precursori eritroidi e causano eritropoiesi inefficace e anemia. Tanto maggiore lo sbilanciamento nella sintesi delle catene, tanto maggiore la gravità delle manifestazioni cliniche.

La beta-talassemia è una malattia ad ereditarietà autosomica recessiva caratterizzata da una marcata riduzione o assenza di produzione delle catene beta-globiniche.

La causa di questa patologia è da ricercarsi in un difettoso funzionamento del gene beta-globinico, localizzato sul cromosoma 11, dovuto a meccanismi delezionali o, molto più spesso, a mutazioni puntiformi che ne impediscono o riducono l’attività.

Quando entrambe le copie (materna e paterna) del gene sono difettose si realizza la condizione di omozigosi che può dare origine a quadri clinici severi (talassemia major) e meno gravi (talassemia intermedia).

Le persone che possiedono una sola copia alterata del gene sono dette eterozigoti, e in genere presentano solo una lieve anemia microcitica, ma possono trasmettere il difetto ai figli.

L’alfa-talassemia che deriva da una riduzione della sintesi della catena alfa, presenta un modello ereditario più complesso, poiché il controllo genico della sintesi della catena a coinvolge due paia di geni strutturali che sono il risultato di una duplicazione genica. Ci sono quindi due geni alfa su ciascun cromosoma 16. Gli eterozigoti che hanno un solo gene difettivo su quattro non hanno di solito alcun segno clinico.

I soggetti che hanno mutazioni su due geni alfa, appartenenti alla stessa coppia di geni o a coppie diverse, tendono a manifestare un quadro clinico che somiglia a quello degli individui eterozigoti per la beta-talassemia (portatori sani).

Un deficit funzionale contemporaneo di 3 geni determina una compromissione più grave della sintesi delle catene a e un quadro clinico tipo talassemia intermedia. Un deficit a carico di tutti e quattro i geni alfa-globinici comporta la morte intrauterina per idrope fetale.

Il kit utilizzato identifica 21 mutazioni della alfa globulina e 23 mutazioni della beta globulina.

Il kit si articola in quattro passaggi: isolamento del DNA da sangue non coagulato, amplificazione delle sequenze bersaglio, ibridazione inversa su striscia e successiva rivelazione colorimetrica.

CAMPIONE: sangue periferico trattato con EDTA (provetta tappo viola)

SPECIALISTI MEDICI : ginecologi, andrologi

TEMPI REFERTAZIONE: 7-10 giorni

 

  • SISTEMA PER L’ANALISI DI POLIMORFISMI ASSOCIATI ALL’OSTEOPOROSI NEL GENE DEL RECETTORE DELLA VITAMINA D (VDR)

L’osteoporosi rappresenta la più frequente malattia metabolica dello scheletro; è caratterizzata da una riduzione della massa ossea e da una alterazione della microarchitettura dell’osso cui consegue un aumento della fragilità e della suscettibilità alle fratture.

I fattori genetici giocano un ruolo importante nella patogenesi dell’osteoporosi.

Il 75% e l’85% della varianza della densità ossea è sotto il controllo genetico.

Il picco di massa ossea che si osserva tra i 20 e 30 anni di età è determinato in gran parte da fattori genetici come pure la velocità con cui si riduce la massa ossea in seguito alla menopausa o all’invecchiamento. Inoltre durante la vita si possono accumulare fattori di rischio ambientali, quali l’assunzione di farmaci, la dieta, l’alcool, il fumo, lo stato pre e postmenopausale, che possono risultare determinanti per l’insorgenza della malattia.

Dunque la patogenesi dell’osteoporosi è il risultato di complesse interazioni tra predisposizione genetica e fattori di rischio ambientali.

La caratterizzazione dei marcatori genetici legati all’ereditarietà di una bassa densità minerale ossea potrebbe permettere di identificare precocemente gli individui suscettibili a sviluppare osteoporosi.

In questo modo si potrebbe attivare una prevenzione mirata con terapie specifiche e modifiche allo stile di vita, tali da ridurre al massimo il rischio ambientale negli individui geneticamente predisposti a sviluppare la malattia.

L’interazione tra la vitamina D ed il proprio recettore svolge un ruolo centrale nell’azione biologica di tale ormone che regola l’omeostasi del calcio e del fosforo, fondamentale per il normale rimodellamento osseo. Tale complesso recettore-ormone interviene inoltre nella regolazione di molti altri sistemi quali quello immunitario, nervoso, epiteliale ed endocrino.

Il gene VDR umano è localizzato sul cromosoma 12 (q13-14) ed è costituito

da 9 esoni. Sono stati identificati svariati polimorfismi; per alcune di queste varianti alleliche si è potuta dimostrare una differenza nell’espressione genica o nella struttura della proteina.

Il polimorfismo F/f è correlato alla produzione di una proteina VDR di dimensioni variabili (423 o 427 aminoacidi). Si tratta di un polimorfismo T/C (ATG>ACG): gli individui con il polimorfismo T hanno due potenziali codoni iniziali e cominciano la traduzione della proteina dal primo; gli individui con il polimorfismo C iniziano invece la traduzione al secondo sito ATG. Ne risulta una proteina che differisce dalla prima di tre aminoacidi. La proteina più lunga subisce un cambiamento strutturale che sembra possa alterare la funzione del VDR.

Il polimorfismo B/b è legato invece alla variazione della stabilità del trascritto.

I genotipi BB e ff predispongono ad un basso livello di massa ossea.Inoltre il genotipo BBpredispone ad un ridotto assorbimento di calcio a livello intestinale.

Il kit utilizzato prevede l’isolamento del DNA da sangue non coagulato, amplificazione delle sequenze bersaglio, ibridazione inversa su striscia e successiva rivelazione colorimetrica.

CAMPIONE: sangue periferico trattato con EDTA (provetta tappo viola)

SPECIALISTI MEDICI : ortopedici

TEMPI REFERTAZIONE: 7-10 giorni

 

  • HCV RNA REAL TIME QUALITATIVO E QUANTITATIVO

Il virus dell’epatite C è la principale causa di epatite acuta di origine virale che, nella maggior parte dei casi, cronicizza ed evolve in cirrosi epatica ed epatocarcinoma. Il virus dell’epatite C è causa anche di patologie extraepatiche.

Il virus si trasmette per via parenterale tramite contatto con sangue infetto.

L’esposizione a sangue infetto può avvenire in seguito a trasfusioni, uso di siringhe infette, trapianto di organi solidi provenienti da donatori infetti, nascita da una madre infetta, esposizione in ambito lavorativo, pratiche sessuali a rischio.

Dopo una prima esposizione ad HCV, la presenza dell’RNA virale nel sangue di pazienti può essere rilevata nell’arco di 1-3 settimane; l’infezione acuta puo’ avere un decorso severo ma raramente è fulminante.

Sebbene l’infezione acuta sia generalmente asintomatica, nell’85% dei casi circa si trasforma in patologia cronica: la persistenza dell’infezione viene diagnostica dalla presenza di HCV RNA nel sangue per almeno sei mesi.

La determinazione della concentrazione HCV RNA nei campioni di siero è un parametro importante nella gestione dell’ epatite C cronica. Infatti, nessuna correlazione è stata osservata tra la carica virale assoluta e la severità o la progressione del danno epatico mentre la variazione della carica virale rappresenta un’ importante indicazione sulla risposta dei pazienti al trattamento farmacologico antivirale.

Il kit utilizzato permette sia una valutazione qualitativa sia quantitativa del virus dell’epatite C (HCV RNA), in campioni di siero umano mediante la tecnica Real Time RT-PCR dopo estrazione dell’RNA virale.

CAMPIONE: siero (provetta tappo giallo)

SPECIALISTI MEDICI : gastroenterologi, epatologi

TEMPI REFERTAZIONE: 3-5giorni

 

  •  SCREENING E TIPIZZAZIONE HPV

 

L’infezione genitale da HPV (Human Papillomavirus) è tra le malattie più comuni trasmesse sessualmente di eziologia virale a livello mondiale (20%-46% in diversi paesi in giovani donne sessualmente attive).

Il cancro cervicale è la seconda neoplasia più comune che coinvolge le donne in tutto il mondo.

Molti metodi sono stati utilizzati per la diagnosi clinica dell’HPV, come l’osservazione clinica, lo screening citologico mediante Pap test, microscopia elettronica e immunocitochimica. Questi metodi hanno alcuni svantaggi come la non standardizzazione, la soggettività dell’interpretazione del risultato, l’insufficiente sensibilità e un basso valore di predittività.

La rivelazione diretta del DNA virale attraverso la tecnica PCR è importante per la diagnosi dell’HPV.

E’ ormai noto che il 99% dei casi del carcinoma della cervice è causato dall’infezione di 12 diversi genotipi dell’HPV.

I genotipi dell’HPV sono stati suddivisi in alto rischio ( 16,18,31,45), rischio intermedio (33,35,39,51,52,56,58,59,68) e basso rischio (6,11,42,44).

Quindi l’identificazione dei genotipi ad alto rischio è molto prezioso per la valutazione del carcinoma cervicale, sia come indicato prognostico che come screening secondario dove i risultati del Pap test sono inconcludenti.

Il kit utilizzato permette la rivelazione e la quantificazione del Human Papillomavirus (16,18,31,33,35,39,45,51,52,56,58,59) da tamponi urogenitali e biopsie in regime di Real Time PCR.

CAMPIONE: tamponi urogenitali e biopsie

SPECIALISTI MEDICI : ginecologi, andrologi

TEMPI REFERTAZIONE: 7-10 giorni

 

  • CHLAMYDIA TRACHOMATIS 16S REAL TIME

Chlamydia Trachomatis è un batterio endocellulare obbligato che causa il tracoma, che può portare anche a cecità, artrite reumatoide, linfogranuloma venereo e molte malattie sessualmente trasmesse che possono determinare sterilità e congiuntiviti e polmoniti in neonati da madri affette.

La maggior parte delle infezioni da clamidia è asintomatica sia in maschi che in femmine, tuttavia una mancata o errata diagnosi può portare ad irreversibili peggioramenti nel decorso della malattia. Per questo motivo è importante una diagnosi tempestiva ed accurata di tale infezione.

Il kit utilizzato si basa sulla tecnica Real Time PCR che permette di monitorare in tempo reale l’amplificazione delle sequenze target.

CAMPIONE: tamponi urogenitali

SPECIALISTI MEDICI : ginecologi, andrologi

TEMPI REFERTAZIONE: 3-5 giorni

 

  • MYCOPLASMA GENITALIUM REAL TIME

Il Mycoplasma genitalium è un infezione a trasmissione sessuale di origine batterica.

Il Mycoplasma genitalium può essere difficile da diagnosticare considerando che I sintomi sono simili a quelli di altre infezioni a trasmissione sessuale, quali clamidia e gonorrea, e la sua comparsa può avvenire in concomitamza di altre patologie a trasmissione sessuale.

Il Mycoplasma genitalium è considerata una delle principali cause di uretrite aspecifica negli uomini e, se non trattata tempestivamente, può invece causare, nelle donne, infiammazioni della cervice, uretriti e infertilità.

Il kit utilizzato si basa sulla tecnica Real Time PCR che permette di monitorare in tempo reale l’amplificazione delle sequenze target.

CAMPIONE: tamponi urogenitali

SPECIALISTI MEDICI : ginecologi, andrologi

TEMPI REFERTAZIONE: 3-5 giorni

 

9. Partecipazione dei Cittadini Alla Spesa Sanitaria

E’ prevista l’introduzione di una quota fissa sulle ricette del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) dal 1 ottobre 2010 al 31 dicembre 2011 per le prestazione di assistenza specialistica e di assistenza termale nella Regione Campania.

Gli assistiti non esenti ticket sono tenuti al pagamento della quota fissa di € 10,00 sulla ricetta in aggiunta al ticket.

Gli assistiti esenti ticket sono tenuti al pagamento della quota fissa di € 5,00 sulla ricetta.

Categorie Specialistica, diagnostica, fisioterapica e cure termali

• Bambini con età inferiore a 6 anni o Anziani con età superiore a 65

con redditi familiari fino a € 36.152,00

ESENTE

• Fascia di età intermedia (6-65 anni) Fino a € 36,15 per ricetta

• Patologie previste dal M.D. 01/02/1991 (e successive modificazioni) ESENTE per prestazioni correlate alla patologia

Paga fino a € 36,15 per le altre prestazioni

• Invalidi di guerra con pensione diretta vitalizia (1°-5° categoria)

• Invalidi per servizio (1° categoria)

• Invalidi civili al 100%

• Invalidi del lavoro (1° categoria) ESENTE

• Invalidi di guerra (6°-8° categoria) ESENTE per prestazioni correlate all’invalidità

Paga fino a € 36,15 per prestazioni non correlate all’invalidità

• Patologie neoplastiche maligne e pazienti in attesa di trapianti di organi

• Pensioni sociali

• Pensionati al minimo oltre i 60 anni e disoccupati (*) ESENTE

• Invalidi civili dal 67 al 99%

• Invalidi del lavoro dal 67 al 99%

• Invalidi per servizio (2°-5° categoria)

• Minori con indennità di frequenza

• Ciechi parziali e sordomuti ESENTE

• Invalidi del lavoro sotto i 2/3

• Infortuni dell’INAIL e malattie professionali

• Vittime del terrorismo e della crimilità organizzata

• Invalidi di servizio (6°-8° categoria) ESENTE per prestazioni correlate alla patologia invalidante

Paga fino a € 36,15 per le altre prestazioni

• Donne in stato di gravidanza Vedi pagina seguente

• Minori di 18 anni che si avviano all’attività sportiva Esenti per gli accertamenti diagnostici all’idoneità agonistica.

Paga fino a € 36,15 per le prestazioni non correlate

• Disoccupati

• Coloro che hanno perso il posto di lavoro ed i loro familiari a carico (i figli fino a 18 anni) ESENTE

 

Soggetti Esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria:

  • E 01 Soggetto con meno di 6 anni o più di 65 anni con reddito tamitiarò inferiore a 36165,98 euro (ex art.8 comma 16 della L.537/1993 e succ. modifiche ed integrazioni)
  • E 02 Disoccupati – e loro familiari a carico – con reddito familiare inferiore a 8.263,31 euro incrementato a 1 1.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (ex art.8 comma 16 della L.537/1993 e succ. modifiche ed integrazioni)
  • E 03 Titolari (ultrasessantacinquenni) di assegno (ex pensione) sociale – e loro familiàri a carico ex art.8 comma 16 della L.537/1993 e succ. modifiche ed integrazioni)
  • E04 Titolari di pensione al minimo con più di 60 anni e loro familiari a carico – con reddito familiare inferiore a 8.263,31 euro incrementato a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (ex art.8 comma della L.537/1993 e succ. modifiche ed inteorazioni)
  • E05 Soggetti appartenenti ad un nucleo familiare con reddito ISEE non superiore a euro 10.000

Informativa ai sensi della legge su1la tutela dei dati personali ( D.lgs. I 96i03). I dati forniti dall’utente verranno trattati dall’amministrazione, anche in forma digitale, nella misura necessaria al raggiungìmento dei fini istituzionali e comunque nel rispetto della suddetta.

 

10. Esami in esenzione per la gravidanza

 

Primo Trimestre ( Entro la 13° settimana) :

• Emocromo

• Piastrine

• Gruppo sanguigno

• GOT / GPT / TPHA / VDRL

• Glicemia

• Urine

• Test di Coombs

• HIV

• Toxoplasma / IgG / IgM

• Rosolia / IgG / IgM

 

Quarto e Quinto Mese ( Tra la 14° e la 23° settimana) :

• Urine

Sesto Mese ( Tra la 24° e la 27° settimana) :

• Urine

• Glicemia

Settimo Mese ( Tra la 28° e la 32° settimana) :

• Emocromo

• Ferritina

• Urine

Ottavo Mese ( Tra la 33° e la 37° settimana) :

• Virus Epatite B (HbsAg) Antigene

• Virus Epatite C (HCV) Anticorpi

• Emocromo

• Piastrine / HIV

• Urine

Nono Mese ( Tra la 38° e la 40° settimana) :

• Urine

 

11. Meccanismi di tutela e verifica

In caso di limitazione e/o esclusione dalla fruizione di prestazioni da noi erogate e in generale per la segnalazione di disservizi, presso l’Accettazione sono a disposizione i Moduli Reclamo, che noi invitiamo a compilare in tutte le sue parti.

A termine della redazione deve essere riportato presso la Segreteria stessa dove il Responsabile Accettazione provvederà ad inoltrarlo al Responsabile Qualità o alla Direzione del Centro .

Quest’ultimo insieme con il team direzionale ha stabilito in 30 giorni (dalla presentazione del reclamo)il termine massimo entro cui la causa del disservizio dovrà essere eliminata.

Nel caso in cui tale scadenza non dovesse essere rispettata sarà compito del Responsabile Accettazione informare il Cliente, che ha sollevato il reclamo, dei motivi che hanno portato alla non risoluzione del problema entro i tempi di cui sopra.

 

Indagine sulla soddisfazione degli utenti:

Periodicamente il Responsabile Qualità raccoglie le Schede Soddisfazione Cliente e le analizza attraverso l’uso di tecniche statistiche.

Verranno poi contattati i Responsabili delle aree risultate oggetto dei sondaggi al fine di individuare Azioni Preventive e Azioni Correttive finalizzate all’eliminazione delle eventuali cause di non conformità riscontrate da Voi.

Scheda Valutazione Grado Soddisfazione Clienti:

Siamo interessati a conoscere la Vostra opinione in merito all’esperienza avuta nella nostra struttura.

• In particolare per il personale che vi opera;

• I servizi offerti.

In caso di reclamo si prega di oggettivizzare l’evento vissuto.

11. RIFERIMENTI NORMATIVI

11.1 Informativa Decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 (pazienti)

Gentile Signore/a, desideriamo informarla che il decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 garantisce che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti, delle libertà fondamentali, nonché della dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali (art. 2).

Ai sensi dell’Art. 13 del Decreto Legislativo predetto, Le forniamo quindi le seguenti informazioni:

I dati personali da Lei forniti o comunque acquisiti dal Centro POLIDIAGNOSTICO possono essere trattati con il suo consenso e anche senza l’autorizzazione del Garante, se necessari per perseguire una finalità di tutela della sua salute o della sua incolumità fisica. A tal fine e con le modalità semplificate di cui all’art. 77 d.lgs. 196/03 con il presente documento il titolare del trattamento le rende noto per iscritto che:

a) I dati saranno trattati al fine di eseguire oggi o in futuro le prestazioni da Lei richieste con mezzi elettronici e cartacei, secondo modalità strettamente strumentali al perseguimento della indicata finalità diagnostica e di tutela della salute;

b) Il conferimento dei dati ha natura facoltativa;

c) L’eventuale rifiuto da parte Sua di conferire i dati che La riguardano o di prestare il consenso non ci consentirà di adempiere alle prestazioni richieste;

d) Il trattamento di dati personali (art. 23) da parte di privati o di enti pubblici economici è ammesso solo con il consenso espresso dell’interessato. Il consenso può riguardare l’intero trattamento ovvero una o più operazioni dello stesso. Il consenso è validamente prestato solo se è espresso liberamente e specificamente in riferimento ad un trattamento chiaramente individuato, se è documentato per iscritto, e se sono state rese all’interessato le informazioni di cui all’articolo 13. Il consenso è manifestato in forma scritta quando il trattamento riguarda dati sensibili.

e) I dati personali idonei a rivelare lo stato di salute possono essere resi noti all’interessato o ai soggetti di cui all’articolo 82, comma 2, lettera a), da parte di esercenti le professioni sanitarie ed organismi sanitari, solo per il tramite di un medico designato dall’interessato o dal titolare. Il presente comma non si applica in riferimento ai dati personali forniti in precedenza dal medesimo interessato. Il titolare o il responsabile possono autorizzare per iscritto esercenti le professioni sanitarie diversi dai medici, che nell’esercizio dei propri compiti intrattengono rapporti diretti con i pazienti e sono incaricati di trattare dati personali idonei a rivelare lo stato di salute, a rendere noti i medesimi dati all’interessato o ai soggetti di cui all’articolo 82, comma 2, lettera a). L’atto di incarico individua appropriate modalità e cautele rapportate al contesto nel quale è effettuato il trattamento di dati.

f) Lei ha diritto di ottenere in ogni momento la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che la riguardano, l’aggiornamento, la rettifica ovvero, quando vi abbia interesse, l’integrazione dei dati stessi facendone richiesta scritta presso il Centro POLIDIAGNOSTICO;

g) Il referto vengono comunque consegnati su supporto cartaceo all’esito della prestazione.

h) Lo studio può conservare il referto e trattare i dati relativi anche per fini di ricerca, per scopi statistici e scientifici e per divulgazione nell’ambito della letteratura medico-scientifica, ma solo con garanzia dell’anonimato e previa espressa autorizzazione degli interessati. Anche tale ulteriore consenso ha natura facoltativa e l’eventuale rifiuto da parte sua non ci impedirà in alcun modo di adempiere alle prestazioni richieste. In virtù di tale ulteriore consenso dell’interessato i dati anche sensibili potranno essere trasferiti a terzi, società o Enti, anche con modalità elettroniche e/o telematiche, esclusivamente per scopi statistici e scientifici, in conformità alla legge, ai regolamenti, alla normativa comunitaria e ai codici di deontologia e di buona condotta, affinché siano adoperati, in forma rigorosamente anonima, per la ricerca e l’eventuale pubblicazione su riviste e/o libri medici.

i) I dati raccolti saranno conservati in una forma che consenta l’identificazione dell’interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario allo scopo o agli scopi per i quali sono stati raccolti o successivamente trattati in conformità con il consenso o i consensi ricevuti, tenuto conto dell’opportunità di osservare per scopi clinici e di tutela della salute dell’interessato anche i precedenti referti sebbene risalenti nel tempo.

j) Titolare del trattamento dei dati è il Centro POLIDIAGNOSTICO

 

Art. 76 (Esercenti professioni sanitarie e organismi sanitari pubblici)

1. Gli esercenti le professioni sanitarie e gli organismi sanitari pubblici, anche nell’ambito di un’attività di rilevante interesse pubblico ai sensi dell’articolo 85, trattano i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute:

a) con il consenso dell’interessato e anche senza l’autorizzazione del Garante, se il trattamento riguarda dati e operazioni indispensabili per perseguire una finalità di tutela della salute o dell’incolumità fisica dell’interessato;

b) anche senza il consenso dell’interessato e previa autorizzazione del Garante, se la finalità di cui alla lettera a) riguarda un terzo o la collettività.

2. Nei casi di cui al comma 1 il consenso può essere prestato con le modalità semplificate di cui al capo II.

3. Nei casi di cui al comma 1 l’autorizzazione del Garante è rilasciata, salvi i casi di particolare urgenza, sentito il Consiglio superiore di sanità.

 

Art. 77 (Casi di semplificazione)

1. Il presente capo individua modalità semplificate utilizzabili dai soggetti di cui al comma 2:

a) per informare l’interessato relativamente ai dati personali raccolti presso il medesimo interessato o presso terzi, ai sensi dell’articolo 13, commi 1 e 4;

b) per manifestare il consenso al trattamento dei dati personali nei casi in cui ciò è richiesto ai sensi dell’articolo 76;

c) per il trattamento dei dati personali.

2. Le modalità semplificate di cui al comma 1 sono applicabili:

a) dagli organismi sanitari pubblici;

b) dagli altri organismi privati e dagli esercenti le professioni sanitarie;

c) dagli altri soggetti pubblici indicati nell’articolo 80.

 

Prestazioni del C.D. “Consenso Informato”

Consenso al Trattamento dei Dati Personali e Sensibili reso ai sensi del D.L.gs. 196/03 recante “Disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali”

 

Io sottoscritto/a____________________nato/a a_________________il______________residente in______________________________dichiaro di aver ricevuto copia del presente modulo informativo e quindi, preso atto di quanto esposto nell’informativa,

 

 rilascio  non rilascio

 

il proprio consenso al trattamento dei dati personali e sensibili esclusivamente ai fini di diagnosi e cura da parte del Centro POLIDIAGNOSTICO

 

 rilascio  non rilascio

 

il proprio consenso a che i referti riferentesi alla mia persona e quindi i miei dati personali, anche sensibili, siano trattati e ceduti al Centro POLIDIAGNOSTICO , ad altre società o Enti, anche con modalità elettroniche e/o telematiche, esclusivamente per fini di ricerca e per scopi statistici e scientifici, a condizione che i dati stessi siano tutti trattati e diffusi in forma assolutamente anonima e senza che sia possibile risalire alla mia persona.

 

Io sottoscritto/a dichiaro di essere edotta della facoltà di poter revocare in ogni momento il consenso o i consensi dati mediante apposita dichiarazione al: Centro POLIDIAGNOSTICO

 

 

Napoli lì Firma

 

 

11.2 DIRITTI DEL CITTADINO

 

Art. 1 – Nel LABORATORIO ai sensi dell’art. 14 comma 5 del D.L. 502/92 modificato dal D.L. 517/93 è attivato

presso la Direzione Sanitaria l’ufficio reclami a cui sono attribuite le seguenti funzioni:

1. Ricevere osservazioni, opposizioni o reclami in via amministrativa, presentate dai soggetti di cui all’art. 2 del presente regolamento;

2. Provvedere a dare tempestiva risposta al reclamante su delega della Direzione Amministrativa;

3. Fornire al reclamante tutte le informazioni e quant’altro necessario per garantire la tutela dei diritti riconosciuti dalla normativa vigente in materia;

4. Predisporre, quando non avesse potuto eliminare la causa del reclamo, la risposta firmata dal legale rappresentante del LABORATORIO in cui si dichiari che le anzidette conclusioni non impediscono la proposizione in via giurisdizionale ai sensi dell’art. 14 comma 5 del D.L. 502/92 modificato dal D.L. 517/93.

 

 

Art. 2 – Sono soggetti legittimati agli atti di cui al comma a del precedente art. 1 tutti gli utenti, parenti o affini nonché i responsabili degli Organismi di Volontariato e Tutela, accreditati presso la Regione Campania.

 

Art. 3 – I soggetti individuati all’art. 2 possono esercitare il proprio diritto, presentando osservazioni, opposizioni o

reclami, entro 15 gg, dal momento in cui l’interessato abbia avuto conoscenza dell’atto o comportamento contro cui voglia opporsi, in uno dei seguenti modi:

• Lettere in carta semplice, indirizzata e inviata alla Direzione Amministrativa e consegnata alla Direzione

Sanitaria;

• Colloquio con il Direttore Sanitario o suo delegato.

 

Art. 4 – La Direzione Sanitaria provvede a comunicare per vie brevi, ai Responsabili dei Servizi chiamati in causa, i contenuti dei ricorsi affinchè essi adottino le misure necessarie per rimuovere i disservizi verificatisi. In caso positivo dà la diretta risposta agli interessati.

 

Art. 5 – Nel caso in cui l’intervento opposto ad osservazioni o reclami non sia stato risolutivo, il ricorso debitamente istruito e con un progetto di risposta, viene trasmesso alla Direzione Amministrativa della Casa di Cura, che dovrà provvedere alla comunicazione della decisione adottata. Qualora il reclamante non si considerasse soddisfatto della decisione, potrà entro 15 gg. Produrre una nuova istanza.

 

Art. 6 – La Direzione Sanitaria dovrà curare:

• L’invio della risposta firmata dalla Direzione Amministrativa all’utente e contestualmente ai Responsabili dei Servizi interessati dal ricorso;

• L’invio alla Direzione Amministrativa dell’opposizione alla decisione sul ricorso affinchè essa venga riesaminata adottando, entro 15 gg. dal ricevimento, il provvedimento definitivo, sentito il Direttore Sanitario

 

12. MODALITA’ DI PRELIEVO, CONSERVAZIONE E RACCOLTA DI CAMPIONI BIOLOGICI

Prelievo Venoso: condizioni preliminari basali o stimolate:

Osservare la dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico.

E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso.

Per alcuni esami è necessario un digiuno di almeno 6-8 ore, per altri è raccomandato un digiuno di 12-14 ore (trigliceridi).

 

Prelievo Venoso: Prelievo interno/esterno

Modalità di esecuzione:

E’ compito del medico prelevatore accertarsi che il cliente assistito sia stato preparato per indagini funzionali con diete speciali o con stimolazioni farmacologiche funzionali o metaboliche; è inoltre compito del prelevatore accertarsi che i protocolli preparati siano stati rispettati.

Aprire l’involucro della siringa sterile senza rimuovere il cappuccio dall’ago.

Accertarsi che l’ago sia ben stretto sul supporto della siringa e che lo stantuffo percorra nel cilindro senza incertezze.

Controllare dalla ricevuta gli esami da eseguire e verificare che siano state preparate le idonee provette con le etichette dedicate.

Accertarsi che non vi siano esami che richiedono un trattamento particolare dopo il prelievo (es. congelamento, centrifugazione) ovvero interventi temporizzati (esempio tempi precisi, intervalli definiti).In questi casi è necessario organizzarsi prima del prelievo.

Procedere al prelievo solo dopo l’esatta identificazione del paziente (esempio nome-sesso-età). Se il prelevatore nota elementi di interesse sanitario durante il prelievo scaturiti pure da approfondimenti verbali, è tenuto a predisporre nota scritta utilizzata sia in fase di validazione tecnica, sia in fase di validazione di congruità sanitaria

Scegliere il punto dove eseguire la venipuntura evitando le aree con cicatrici edemi o ematomi.

Applicare il laccio emostatico verificando il normale deflusso arterioso.

Disinfettare la zona destinata alla venipuntura con un adeguato antisettico, ridisinfettare se si tocca la zona interessata per meglio individuare il punto esatto.

Togliere il cappuccio dall’ago ed eseguire la venipuntura.

Il braccio del paziente deve essere disteso e rivolto verso il basso.

Far defluire lentamente il sangue nel cilindro della siringa.

Finita la venipuntura invitare il paziente a tenere ben premuto il batuffolo di cotone sul punto di inserimento dell’ago fino a diversa disposizione del prelevatore.

Rimuovere l’ago utilizzando gli appositi contenitori senza tentare di rincappucciarlo. Vale anche per i prelievi a domicilio.

Distribuire il sangue all’interno delle provette rispettando le porzioni previste, il volume indicato e l’ordine seguente:

1) Eventuali contenitori o provette sterili

2) Provetta con gel separatore Volume minimo 3,0 ml di sangue, tappo rosso

3) Provetta citratata al 3,8% per PT Volume necessario 2,5 cc di sangue, tappo rosa

4) Provetta citratata al 20% per VES Volume necessario 1,5 cc di sangue, tappo rosa

5) Provetta con EDTA per emocromo Volume necessario 2,5 cc di sangue, tappoverde

Le provette contenenti l’anticoagulante vanno capovolte 3-4 volte lentamente per essere miscelate con il sangue evitando così la formazione dei coaguli e/o schiuma di agitazione con alterazioni dell’integrità cellulare.

Le provette contenenti gel separatore vanno tenute per non più di 60’ e non meno di 15’ a temperatura ambiente per poi essere centrifugate per 15 minuti a 3000 giri/m rpn.

Inserire le singole provette negli appositi portaprovette seguendo l’ordine previsto, verificare la corrispondenza attesa.

Mettere il cerotto al paziente dopo essersi accertato della completa rimarginazione della puntura. E’ compito del medico prelevatore accertarsi che il cliente assistito sia stato preparato per indagini funzionali con diete speciali o con stimolazioni farmacologiche funzionale o metaboliche è inoltre compito del prelevatore accertarsi che i protocolli preparati siano stati rispettati.

 

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi esterni: le provette tappate vanno riposte in un idoneo contenitore portaprovette e consegnate entro massimo 2 ore all’accettazione del laboratorio

Per i prelievi in laboratorio: per le analisi eseguite entro 48 ore occorre conservare i campioni a temperatura compresa tra +2 e +6 gradi, per le analisi eseguite dopo le 48 ore occorre congelare i sieri per un tempo massimo di 6 mesi.

 

Prelievo Capillare

 

Modalità d’esecuzione:

Il sangue capillare si preleva dal polpastrello di un dito o dal lobo di un orecchio: nei bambini dall’alluce o dal tallone, impiegando sottili lancette sterili monouso

Riscaldare la sede del prelievo, detergere la zona interessata.

Raccogliere il sangue dei capillari lasciandolo defluire spontaneamente senza spremiture.

Detergere con garza sterile.

 

Prelievi dopo stimoli Allegato 1

 Prelievo post-prandiale

Quando viene richiesto un prelievo post-prandiale, dopo aver effettuato quello basale a digiuno al mattino, si consiglia di eseguire questo prelievo 2 ore dopo un pasto completo.

 Pulsatilità spontanea

E’ possibile ricevere una richiesta di esame per più volte a tempi diversi (ad es. la Prolattina a 0’-15’-30’). Questa si effettua con prelievi distanziati nel tempo. Si ripetono i prelievi ai tempi diversi e come da prescrizione medica si determinano gli analiti richiesti.

 Prelievo dopo sforzo

Dopo un prelievo basale, il paziente deve eseguire un esercizio fisico interso per almeno 10 minuti (es. salita e discesa di una scala) e deve ripetere il prelievo subito dopo.

Per alcuni esami si consiglia di eseguire un terzo prelievo a distanza di 15 minuti dalla fine dello sforzo fisico per valutare al meglio la funzionalità dell’esame.

 Curva da carico di glucosio

Si effettua un prelievo basale e si valuta il glucosio ematico. Se il valore è inferiore a 140 mg% è possibile eseguire questo test da carico, somministrando al paziente glucosio per os pari a 1 g/Kg peso corporeo (esistono soluzioni già standardizzate da 75 g ) da consumare in 5 minuti. Si effettuano i successivi prelievi ai tempi di +30’,+60’,+90’,+120’, +180’ dalla somministrazione dello zucchero e si valuta il livello del glucosio ematico ai vari tempi.

 Test alla clonidina

Si effettua un prelievo basale e si somministra per os al paziente 0.075 mg/m2 superficie corporea di Clonidina (prodotto farmaceutico CATAPRESAN 0.150 mg/cp); è consigliata una dose standard di 4 mcgr/Kg peso corporeo. Si ripetono i prelievi ai tempi diversi, come da richiesta medica e si determina l’HGH. Si consiglia il controllo del paziente durante il test, perché i farmaco porta sonnolenza ed ipotensione.

 Test al TRH

Si effettua un prelievo basale e si iniettano al paziente 0.2 mg di TRH. Si ripetono i prelievi ai tempi diversi e a secondo della richiesta medica si determina il valore del TSH oppure della Prolattina. Si consiglia il controllo del paziente durante il test, perché la tireotropina porta nausea, amaro in bocca e stimolo alla minzione con scomparsa dei sintomi dopo pochi minuti dall’endovena.

 Test al GnRH

Si effettua un prelievo basale e si iniettano al paziente 0.1mg di GnRH (prodotto farmaceutico RELISORM-L oppure RELEFACT LH). Si ripetono i prelievi ai tempi diversi e come da prescrizione medica si determinano gli ormoni richiesti.

 Test allo xilosio

Si somministrano per os al bambino 5g di xilosio diluito in acqua (all’adulto 25g). si esegue un prelievo di sangue dopo un’ora dalla somministrazione della sostanza. È preferibile raccogliere contemporaneamente le urine nelle cinque ore successive dall’assunzione di questo zucchero per valutarne la sua presenza.

 

Urine semplici, urinocoltura, urine 24 ore allegato 2

 

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

 

 Urine semplici

Condizioni preliminari

E’ preferibile raccogliere le urine del mattino dopo il risveglio.

 

Modalità di esecuzione

Raccogliere le urine in un contenitore adeguato, la quantità minima è di circa 20 ml

 

Modalità di conservazione e consegna

Cercare di consegnare le urine in un tempo massimo di 2 ore dalla raccolta e scrivere nome e cognome sul contenitore

 

 Urinocoltura

Condizioni preliminari

Comunicare all’accettazione eventuali terapie farmacologiche. La raccolta deve essere effettuata sulle prime urine del mattino o su urine in vescica da almeno 4 ore. Si suggerisce un blando lavaggio dei genitali esterni prima della raccolta con soluzioni saponose neutre senza utilizzare disinfettanti.

 

Modalità di esecuzione

Lasciare defluire nella tazza del water la prima porzione di urina. Raccogliere nel contenitore sterile la parte centrale del getto, scartando nel water la parte finale. La quantità minima è di circa 20 ml. Quando richiesto specificamente raccogliere separatamente in recipienti sterili il primo getto, il medio getto ed il terzo getto.

 

Modalità di conservazione e consegna

Cercare di consegnare le urine in un tempo massimo di 2 ore dalla raccolta e scrivere nome e cognome sul contenitore

 

 Raccolta urine a tempo definito 2-4-12-24 ore

Condizioni preliminari

E’ preferibile cominciare la raccolta al risveglio.

Modalità di esecuzione

Al risveglio scartare le prime urine in modo da svuotare completamente la vescica. Annotare l’orario. Da quel momento raccogliere le urine ogni volta che si ha lo stimolo, in apposito contenitore, fino all’orario definito, quando cioè si raccoglierà l’ultimo campione. Ad esempio dopo 12 ore oppure 24 ore.

Durante la raccolta il contenitore, di volume adeguato, va tappato e conservato in luogo fresco. In alcuni specifici casi è previsto l’uso di conservanti.

Modalità di conservazione e consegna

Cercare di consegnare le urine in un tempo massimo di 2 ore dalla raccolta, scrivere nome e cognome sul contenitore utilizzandone uno idoneo alla quantità

 

 

Allegato 3

 

 

Feci Semplici, Feci esame parassitologico e colturale, Feci (esame a caldo), Feci esame Ossiuri

 

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

 

 Feci semplici

 

Condizioni preliminari

Seguire la dieta abituale. Per la ricerca del sangue occulto non è più necessario seguire una dieta particolare.

Modalità di esecuzione

Raccogliere il campione in un contenitore adeguato

Modalità di conservazione e consegna

Cercare di consegnare il campione in un tempo massimo di 2 ore dalla raccolta, scrivere nome e cognome sul contenitore.

 

 Feci esame parassitologico e colturale

 

Condizioni preliminari

Comunicare all’accettazione eventuali terapie farmacologiche e seguire la dieta abituale

Modalità di esecuzione

Raccogliere il campione in un contenitore sterile

Modalità di conservazione e consegna

Cercare di consegnare il campione in un tempo massimo di 2 ore dalla raccolta, scrivere nome e cognome sul contenitore.

 

 Feci esame Ossiuri

 

Condizioni preliminari

Comunicare all’accettazione eventuali terapie farmacologiche e seguire la dieta abituale

Modalità di esecuzione

La mattina, prima delle pulizie e della defecazione, applicare la striscia di scotch con la faccia collante sulla cute del margine dell’orifizio anale, quindi si fa aderire ad un vetrino del laboratorio.

Modalità di conservazione e consegna

Applicare al mattino la striscetta su di un vetrino cercando di consegnare il campione in un tempo massimo di 2 ore dalla raccolta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Allegato 4

  • Tamponi

 

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

 

 Tamponi

 

Condizioni preliminari

Comunicare all’accettazione eventuali terapie farmacologiche e rappresentare il problema diagnostico in modo da consentire una modalità di raccolta efficace.

Modalità di esecuzione:

Appoggiare il tampone sulla superficie da analizzare e ruotarlo in modo da distribuire il materiale su tutto il campione

Modalità di conservazione e consegna

Conservare in un terreno di trasporto (prelievi esterni), oppure seminare direttamente su piastra.

Per il tampone vaginale è opportuno, per un corretto risultato dell’indagine, non eseguire lavaggi della zona interessata.

 

Allegato 5

  •  Acido Lattico

La ringraziamo di aver scelto il nostro Centro Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso. Osservare un digiuno di almeno 12 ore.

 

Modalità di esecuzione

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione in una provetta graduata con due gocce di fluoruro e portare a 2 ml di sangue

 

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi domiciliari: le provette tappate vanno riposte in un idoneo contenitore portaprovette e consegnate entro massimo 2 ore all’accettazione del laboratorio

Per i prelievi in laboratorio: occorre conservare i campioni a temperatura compresa tra +2 e +6 gradi per un massimo di 48 ore.

 

Allegato 6

  •  Acido Vanilmandelico

La ringraziamo di aver scelto il nostro Centro Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Occorre effettuare una dieta particolare nei tre giorni precedenti la raccolta del campione evitando di assumere:

aspirina

banane

caffè

cioccolato

thè

vanillina

Prima di iniziare la raccolta delle urine ritirare in laboratorio, la provetta contenente 10 ml di acido cloridico quale conservante da versare nel contenitore di raccolta delle urine delle 24 ore. E’ preferibile cominciare la raccolta al mattino.

Modalità di esecuzione

Scartare la prima urina e partendo dalla successiva raccoglierle tutte fino alla prima del mattino seguente.

Modalità di conservazione e consegna

Cercare di consegnare le urine in un tempo massimo di 2 ore dalla raccolta, scrivere nome e cognome sul contenitore utilzzandone uno idoneo alla quantità

 

Allegato 7

  •  Acido Omovanillico

La ringraziamo di aver scelto il nostro Centro Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Occorre effettuare una dieta particolare nei tre giorni precedenti la raccolta del campione evitando di assumere:

aspirina

banane

caffè

cioccolato

thè

vanillina

Prima di iniziare la raccolta delle urine ritirare in laboratorio, la provetta contenente 10 ml di acido cloridico quale conservante da versare nel contenitore di raccolta delle urine delle 24 ore. E’ preferibile cominciare la raccolta al mattino.

Modalità di esecuzione

Scartare la prima urina e partendo dalla successiva raccoglierle tutte fino alla prima del mattino seguente compresa.

Modalità di conservazione e consegna

Cercare di consegnare le urine in un tempo massimo di 2 ore dalla raccolta, scrivere nome e cognome sul contenitore utilizzandone uno idoneo alla quantità

 

Allegato 8

  •  ACTH

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso.

Modalità di esecuzione

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione in una provetta anticoagulante con EDTA sodico o potassico. La provetta deve essere mantenuta in bagno di acqua e ghiaccio fino alla separazione del plasma. Il plasma va congelato fino ad 1 ora prima del dosaggio.

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi esterni: le provette tappate vanno riposte immediatamente in un idoneo contenitore portaprovette refrigerato ( bagno di acqua e ghiaccio) a temperatura tra +2 e +6C° e consegnate entro massimo 2 ore all’accettazione del laboratorio che procederà alla separazione e congelamento del plasma.

Allegato 9

Adesività Piastrinica

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso, osservare il digiuno di almeno 10-12 ore. Chiedere se praticano terapie farmacologiche antiaggreganti.

Modalità di esecuzione

Seguire la procedura per il prelievo venoso.

Il campione direttamente dalla siringa va fatto passare attraverso due tubicini specifici contrassegnati con le lettere “S” e “T” e raccolti in due provette. L’esame va eseguito subito dopo il prelievo. Non è possibile eseguire l’esame a domicilio o su prelievo esterno.

 

Allegato 10

Alfa-Fetoproteina su liquido amniotico

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

All’atto della consegna del campione occorre informare l’accettazione sulla settimana di gestazione.

Modalità di esecuzione

Il prelievo è effettuato dal medico specialista

Modalità di conservazione e consegna

Se l’esame non è eseguito subito il campione può essere conservato ad una temperatura tra +2 e +6C° fino a 48 ore poi deve essere congelato fino a 6 mesi.

 

Allegato 11

  • Aldosterone

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso. Osservare un digiuno di almeno 10-12 ore.

Modalità di esecuzione

Eseguire due prelievi il primo va effettuato in posizione clinostatica, il secondo, dopo circa due ore , in posizione ortostatica.

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione in una provetta senza anticoagulante.

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi esterni: le provette tappate vanno consegnate entro massimo 2 ore all’accettazione del laboratorio.

Per i prelievi in laboratorio: per le analisi eseguite entro 48 ore occorre conservare i sieri a temperatura compresa tra +2 e +6 gradi.

 

Allegato 12

  •  Angiotensina

La ringraziamo di aver scelto il nostro Centro Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso. Osservare un digiuno di almeno 10-12 ore.

Modalità di esecuzione

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione in provetta senza anticoagulante.

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi esterni: le provette tappate vanno consegnate entro massimo 2 ore all’accettazione del laboratorio.

Per i prelievi in laboratorio: per le analisi eseguite entro 48 ore occorre conservare i sieri a temperatura compresa tra +2 e +6 gradi.

 

Allegato 13

  • Ammonio

La ringraziamo di aver scelto il nostro Centro Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso. Osservare un digiuno di almeno 10-12 ore.

Modalità di esecuzione

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione in una provetta con EDTA (emocromo). Separare subito il plasma e congelarlo.

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi esterni: le provette tappate vanno riposte in un idoneo recipiente in bagno d’acqua e ghiaccio e consegnate nel più breve tempo possibile all’accettazione del laboratorio che separerà subito il plasma e lo congelerà.

 

Allegato 14

Idrossiprolinuria

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari

Per una corretta interpretazione dei risultati ottenuti con l’Hypronosticon si dovrà somministrare al paziente, 24 ore prima della raccolta, una dieta priva di collagene. Se ciò non fosse possibile, bisogna ricorrere ad una dieta almeno a basso contenuto di collagene.

Una dieta priva di collagene non deve contenere: carne, derivati della carne, pesce, cacciagione, estratti di carne, brodo, sugo di carne, gelati, dolci, altri prodotti contenenti gelatina.

La carne e derivati possono essere sostituiti da: formaggio, uova, latte, yogurt, burro, brodi vegetali e legumi (fagioli e piselli).

Una dieta povera di collagene può comprendere fino a 100 g. di carne (privata delle cartilagini e dei tendini).

Modalità di esecuzione

Scartare la prima urina e partendo dalla successiva raccoglierle tutte fino alla prima del mattino seguente compresa.

Modalità di conservazione e consegna

Durante la raccolta conservare le urine in luogo fresco e cercare di consegnarle in un tempo massimo di 2 ore dalla fine della raccolta: scrivere nome, cognome ed aggiungere il peso e l’altezza del paziente.

 

Allegato 15

Renina

La ringraziamo di aver scelto il nostro Laboratorio Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso. Osservare un digiuno di almeno 10-12 ore.

Modalità di esecuzione

Eseguire due prelievi il primo va effettuato in posizione clinostatica, il secondo, dopo circa due ore , in posizione ortostatica.

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione in una provetta con EDTA (emocromo) .La processazione (centrifugazione) del campione deve avvenire il più rapidamente possibile con separazione del plasma e congelamento.

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi esterni: le provette tappate vanno riposte immediatamente in un idoneo contenitore portaprovette refrigerato (bagno di acqua e ghiaccio) a temperatura tra +2 e +6C° e inviarle al più presto al laboratorio che separerà subito il plasma e lo congelerà.

Per i prelievi in laboratorio: per le analisi eseguite entro 48 ore occorre conservare i campioni a temperatura compresa tra +2 e +6 gradi.

 

Allegato 16

  •  Ricerca Crioglobuline

La ringraziamo di aver scelto il nostro Centro Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari:

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. ’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso. Osservare un digiuno di almeno 10-12 ore.

Modalità di esecuzione

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione con una siringa e una provetta per sierologia mantenuta ad una temperatura di 37 °C.

Modalità di conservazione

Dopo il prelievo conservare la provetta alla temperatura di 37°C fino all’esecuzione dell’analisi.

 

Allegato 17

  •  Spermiogramma

Condizioni preliminari:

Astenersi da rapporti sessuali per almeno 3-4 giorni prima della raccolta.

Modalità di esecuzione

La raccolta può essere effettuata a casa o in laboratorio dopo masturbazione.

Modalità di conservazione e consegna

Il campione va raccolto in un contenitore idoneo che riporti il nome, cognome ed i giorni di astinenza del paziente e deve essere consegnato nel più breve tempo possibile al laboratorio non oltre 1 ora.

 

Allegato 18

  •  Tritest

La ringraziamo di aver scelto il nostro Centro Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari

Saranno accettati solo i prelievi eseguiti nel periodo di screening previsto (dalla 15esima alla 20esima settimana di gravidanza calcolata in base alla data dell’ultima mestruazione e/o alla misurazione ecografica) e solo se accompagnati dal modulo presente in accettazione correttamente compilato.

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso. È necessario un digiuno di almeno 10-12 ore.

Modalità di esecuzione

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione in una provetta da siero.

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi esterni: le provette tappate vanno riposte in un idoneo contenitore portaprovette e consegnate entro massimo 2 ore all’accettazione del laboratorio.

Per i prelievi in laboratorio: per le analisi eseguite entro 48 ore occorre conservare i campioni a temperatura compresa tra +2 e +6 gradi, per le analisi eseguite dopo le 48 ore occorre congelare i sieri per un tempo massimo di 6 mesi.

 

Allegato 19

  • DuoTest

La ringraziamo di aver scelto il nostro Centro Diagnostico e segnaliamo le seguenti attività per assicurare una corretta raccolta del materiale biologico necessario all’esecuzione degli esami richiesti.

Condizioni preliminari

Saranno accettati solo i prelievi eseguiti nel periodo di screening previsto (dalla 11esima alla 13esima settimana di gravidanza calcolata in base alla data dell’ultima mestruazione e/o alla misurazione ecografica) e solo se accompagnati dal modulo presente in accettazione correttamente compilato.

Prima del prelievo il paziente deve eseguire la sua dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico. E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso. È necessario un digiuno di almeno 10-12 ore.

Modalità di esecuzione

Seguire la procedura per il prelievo venoso e raccogliere il campione in una provetta da siero.

Modalità di conservazione e consegna

Per i prelievi esterni: le provette tappate vanno riposte in un idoneo contenitore portaprovette e consegnate entro massimo 2 ore all’accettazione del laboratorio.

Per i prelievi in laboratorio: per le analisi eseguite entro 24 ore occorre conservare i campioni a temperatura compresa tra +2 e +6 gradi, per le analisi eseguite dopo le 24 ore occorre congelare i sieri

 

Allegato 20

  •  Indicazioni per i prelievi venosi necessari alla determinazione dei farmaci

Condizioni preliminari:

Basali o Stimolate

Osservare la dieta abituale ovvero quella raccomandata dal medico.

E’ consigliabile astenersi dal fumo, dal caffè e dall’esercizio fisico, nelle ore immediatamente precedenti il prelievo venoso.

Dosaggio Farmaco Regole da Osservare per il Prelievo

Antiepilettici

Fenobarbitale Effettuare il prelievo sempre dopo lo stesso intervallo di tempo dalla somministrazione ai fini di una corretta comparazione

Fenitoina via endovena

Fenitoina via orale Prelievo – da 2 a 4 ore quando è somministrato in via endovena

Prelievo – sempre dopo lo stesso intervallo di tempo dalla somministrazione orale ai fini di una corretta comparazione

Primidone Prelievo – Immediatamente prima della dose successiva

Acido Valproico Prelievo – Immediatamente prima della dose successiva

Etosuccimide Prelievo – da eseguire sempre alla stessa distanza dalla ora di somministrazione

Carbamazepina Prelievo – Immediatamente prima della successiva dose orale

Cardioattivi

Digossina Prelievo – da 8 a 24 ore dopo la somministrazione della dose

Psicotropi

Litio Prelievo – A distanza di 12 ore dalla dose serale

Broncodilatatori

Teofillina Prelievo – Immediatamente prima della successiva dose orale in caso di monitoraggio